Ultimo Taglio dell’Erba Prima dell’Inverno

Spesso ci dimentichiamo che l’inverno è una stagione molto stressante per la salute del prato: freddo, gelate, brina neve possono rovinarlo ed ingiallirlo.

LA GIUSTA ALTEZZA
Tagliare il prato alla giusta altezza prima dell’arrivo del freddo è un’operazione che da molti benefici alla salute dell’erba.

In inverno il prato rallenta la sua crescita fino a fermarla quasi del tutto del tutto se le temperature diventano particolarmente rigide.

Se in quel momento, il prato si trova in un range di altezze distante dall’altezza di massima efficienza andrà molto più facilmente in sofferenza.

MASSIMA EFFICIENZA 
L’altezza di massima efficienza è quell’altezza nella quale l’erba riesce a svolgere l’attività di fotosintesi clorofilliana al meglio anche in condizioni di poca luce diurna tipica della stagione invernale.

L”altezza di massima efficienza, oltre che aumentare le capacità di fotosintesi clorofilliana e di scambio gassoso, è anche quell’altezza nella quale l’erba svolge le sue attività vitali utilizzando meno energia o utilizzandola in maniera più redditizia.

In inverno questa altezza è un po’ più alta che nelle altre stagioni, normalmente si dovrebbe alzare il taglio di 1 o 2 centimetri rispetto all’autunno o alla primavera.

Tagliare il prato all’altezza ottimale ha quindi un doppio vantaggio: ottimizza la produzione di energia vitale e minimizza il consumo di energia.

ESEMPI PRATICI
Ogni miscuglio, ogni varietà di sementi, ha la sua specifica altezza ottimale, ma volendo fare un discorso pratico, si potrebbe dire che le altezze di massima efficienza invernale per le tipologie di prato più diffuse in italia sono sostanzialmente due:

QUANDO TAGLIARE
Ma qual’è il momento di fare questo taglio? In realtà non c’è un data precisa, bisognerebbe farlo quando le temperature stanno scendendo di giorno sotto i 13/15 gradi e sta per arrivare il freddo, in ogni caso mai durante i periodi di gelate notturne.

Bisogna però tenere a mente che il prato va comunque sempre tagliato se oltrepassa gli 8/10 cm. Capita soprattutto negli inverni miti e piovosi che il prato continui a crescere anche a dicembre, gennaio e febbraio, causando uno sviluppo anomalo e filiforme che crea un indebolimento generale.

In questo caso bisognerà scegliere una giornata mite ed asciutta e durante le ore centrali effettuare comunque un taglio per riportare l’erba all’altezza ottimale.

NON DIMENTICARE LA CONCIMAZIOME!
Terminato l’ultimo taglio andrai a distribuire, se non lo hai già fatto, un concime potassico per irrobustire e proteggere il prato prima dell’inverno..

Buon lavoro!

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo