Le Microterme

Le microterme sono rappresentate dalle specie di Graminaceae da tappeto erboso nelle quali le fasi di maggiore crescita attiva si verificano durante il periodo primaverile e autunnale. In linea di massima presentano un “range” di temperature ottimali per la crescita comprese fra 15 e 25°C. Hanno una elevata resistenza al freddo, ma al tempo stesso una minor tolleranza al caldo, siccità e salinità.

L’impiego di queste specie è consigliato laddove persistano tali condizioni climatiche e vi siano buone disponibilità idriche, mentre non sono consigliabili nelle regioni a clima caldo-arido o comunque laddove le risorse idriche siano scarse. Scopriamo le principali specie di microterme:

agrostis stoloniferaAgrostis stolonifera

Caratteristiche

  • Alta densità con foglie strette
  • Colorazione da verde chiara a scura con aspetto poco lucente.
  • Aspetto soffice.
  • I Rizomi sono presenti raramente
  • Utilizzo nel Golf o aree residenziali molto di pregio.

Pregi

  • Una volta insediata forma un tappeto molto fine e di massimo livello di qualità.
  • Sopporta i tagli bassi fino a 3 mm ma non più di 10 mm.
  • Molto invadente tramite stoloni e rizomi e può formare radici dai nodi.

Difetti

  • Alto livello di manutenzione per raggiungere il massimo risultato.
  • Non molto resistente al caldo e alla siccità, sebbene possa sopravvivere .
  • Non sopporta l’uso intenso e tende a formare tanto feltro.
  • Da utilizzare in purezza.

 

Festuca Arundinacea microtermeFestuca arundinacea

Caratteristiche

  • Tessitura variabile , le vecchie cultivar hanno foglia grossolana mentre le più moderne sono fini.
  • Colorazione verde scura , densità della vegetazione bassa, apparato radicale molto profondo e grossolano.
  • Portamento cespitoso con possibilità di produrre brevi rizomi.

Pregi

  • Specie molto tollerante al caldo e alla siccità.
  • Sopporta i carichi di uso conservando vigore e colorazione meglio di altre microterme .
  • Sopporta i ristagni seppur per un periodo breve e l’ombra.

Difetti

  • Se seminato rado non chiude il tappeto.
  • In climi freddi rallenta l’insediamento.

 

festuca rubraFestuca rubra commutata

Caratteristiche

  • Tessitura molto fine e forma un tappeto soffice e molto denso producendo molti germogli dal cespo.
  • Non ha aspetto strisciante rispetto la Festuca rubra rubra, colorazione da chiara a scura.
  • Può avere un aspetto a grappolo sotto stress ambientale.

Pregi

  • Si adatta benissimo all’ombra, sopporta i tagli bassi
  • Buon resistenza alla siccità.

Difetti

  • Non sopporta il carico soprattutto in condizioni umide
  • Tende a formare feltro e bassa capacità di ricaccio.

 

Festuca rubra rubra

Caratteristiche

  • Foglia molto fine con alta densità della vegetazione
  • Colorazione da chiaro a scuro
  • Produce rizomi.

Pregi

  • Sopporta tagli bassi diventando un tappeto soffice e fitto di altissima qualità
  • Ottima tolleranza all’ombra e capacità di ricaccio elevata.
  • Ottima tolleranza alla siccità .

Difetti

  • Produce parecchio feltro
  • Sopporta poco i carichi
  • Lenta ad insediarsi nelle nuove semine

 

lolium perenneLolium perenne

Caratteristiche

  • Tessitura media, media densità della cotica,
  • Foglie di aspetto lucido e colore smeraldo
  • Cespitosa.
  • Utilizzo diffuso per aree ad intenso uso e dove è richiesta una colorazione scura.

Pregi

  • Veloce insediamento iniziale
  • Molto resistente all’uso
  • Mantiene la colorazione con i freddi
  • Per un breve periodo sopporta i ristagni
  • Tollera tagli relativamente bassi.

Difetti

  • Dominante all’inizio
  • Non tollera salinità, caldo e siccità.
  • Vuole azoto per uno sviluppo ottimale.
  • A volte mostra difficoltà al taglio
  • Sensibile a molte malattie fungine.

 

poa pratensisPoa pratensis

Caratteristiche

  • Colorazione verde scura con media tessitura
  • Media velocità di crescita
  • Foglia a forma di prua di barca, germogli laterali vigorosi a formare nel tempo un tappeto uniforme e fitto.

Pregi

  • Molto stabile una volta insediata
  • Se ben posizionata vive molto a lungo.
  • Molto persistente, presenta un aspetto molto attrattivo una volta insediata, può sopravvivere in ambienti siccitosi e grazie ai rizomi recuperi i danni.

Difetti

  • Fatica a insediarsi dalla semina
  • Non sopporta i tagli bassi.
  • Necessita di escursione termica per svilupparsi in modo ottimale.
  • Tende a fare feltro
  • Vuole molto azoto.
Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo
CHIUDI
CLOSE