Guida Completa ai Biostimolanti per Prato

Valutazione: 5 - 14 recensioni

(Aggiornamento 30 maggio 2020. Ver. 2.03)

Il Metodo Bestprato è stato il primo ad introdurre nel panorama italiano l’uso strategico ed organizzato di prodotti biostimolanti e nutritivi di origine naturale o organo-minerale. Quella che segue è la prima Guida Completa alla Biostimolazione.

LE TIPOLOGIE DI STIMOLANTI

I biostimolanti si possono raggruppare in 5 grandi categorie:

  1. AMMENDANTI TERRENO E STIMOLATORI RADICALI
    • acidi umici
    • acidi fulvici
    • acidi fosforici
  2. POTENZIATORI METABOLISMO E FOTOSINTESI CLOROFILLIANA
    • acidi umici
    • estratti di alghe brune
    • idrolizzati proteici
  3. ATTIVATORI DI RESISTENZA ALLE AVVERSITÅ
    • fosfiti di potassio
    • chelati di ferro, rame, zinco e manganese
    • ossidi di silicio
  4. ANTAGONISTI CONTRO LE MALATTIE
    • trichoderma
    • bacillus subtilis
    • micorrize
    • batteri PGPR
  5. NUTRITIVI E RINVERDENTI A PRONTO EFFETTO
    • azoto ureico
    • microelementi

BENEFICI DEI STIMOLANTI

I biostimolanti agiscono come dei veri e propri attivatori di metabolismo e di sostanze interne, ma i loro benefici si allargano in molti ambiti delle vita vegetale del prato e degli stress che deve affrontare durante l’anno. L’uso sapiente di questi prodotti permette di:

  • contrastare gli stress termici (eccesso di caldo, colpi di calore)
  • sostenere il recupero da ingiallimenti e secchezze (surriscaldamento, mancanza di acqua, urina di animali)
  • aumentare la fotosintesi clorofilliana in situazioni difficili (ombra, caldo estremo)
  • mitigare gli effetti collaterali dei trattamenti chimici (diserbo selettivo, antifungini)
  • ammorbidire i danni delle irrigazioni con acque non pure (cloro, calcare, …)
  • facilitare l’assorbimento di elementi nutrivi in situazioni difficili
  • aumentare la fertilità del terreno
  • approfondire ed allargare il sistema radicale in prati giovani e adulti
  • proteggere direttamente ed indirettamente dalle malattie fungine
  • rendere le foglie dell’erba più dure e resistenti al calpestio e alle rotture

COME SI USANO

Esistono due modalità di uso: fogliare e radicale. Alcuni biostimolanti raggiungo il loro scopo solo per via fogliare, altri invece solo per via radicale, altri ancora possono essere usati in entrambi i modi.

TRATTAMENTI FOGLIARI

QUANTA ACQUA USARE? – Quando si usano per via fogliare, i biostimolanti vanno diluiti in circa 10 litri di acqua per ogni 100 mq di prato e distribuiti sulle foglie dell’erba con una pompa irroratrice. Le foglie devono essere asciutte ed il prato non va bagnato poi per 24 o 48 ore.

A CHE ORA FARE I TRATTAMENTI? Il trattamento andrebbe fatto alla mattina non appena la rugiada si è asciugata. Vanno evitate le ore più calde ed i trattamenti subito dopo lo sfalcio.

IL PRATO VA TAGLIATO? Il momento migliore è eseguire il trattamento 1 giorno dopo averlo tagliato a  5/7 cm di altezza.

TRATTAMENTI RADICALI

QUANTA ACQUA USARE?  Quando si usano i biostimolanti per via radicale, il quantitativo di acqua in cui diluire il prodotto può essere aumentato a 15 litri per 100 mq di prato.

BISOGNA IRRIGARE? QUANTO? Solo nei trattamenti radicali, dopo aver distribuito il biostimolante, bisognerà fare in modo che arrivi in profondità nel terreno, fino alle estremità delle radici del prato. Per far questo occorre irrigare il prato per un tempo sufficiente a dare 10/20 millimetri di acqua (10/20 litri al mq).

POTENZIAMENTO RADICALE – Per rendere più efficace il trattamento di tipo radicale è consigliato mescolare allo stimolante un agente umettante (tipo questo).

A CHE ORA FARE I TRATTAMENTI? L’orario più corretto per i trattamenti radicali è alla mattina presto.

COCKTAILS

Alcuni biostimolanti possono essere uniti fra loro in un unico trattamento che permette di risparmiare tempo. In alcuni casi. l’abbinamento di 2 o più prodotti porta reciproci benefici ma occorre fare attenzione a non fare errori. Ecco alcune regole

  • Non mescolare biostimolanti esclusivamente fogliari a quelli esclusivamente radicali
  • Non mescolare più di 3 biostimolanti assieme
  • Non mescolare biostimolanti contenenti ferro tra di loro
  • I biostimolanti con ossidi di silicio vanno dati da soli

FREQUENZE DI APPLICAZIONE

Decidere ogni quanto dare un biostimolante dipende dalle necessità di stimolazione e dal problema da recuperare. Solitamente uno stesso stimolante non va ripetuto prima di 3 settimane.

In caso di trattamenti con biostimolanti di diverso tipo è possibile comunque eseguirli ad intervalli inferiori. La regola generale impone di lasciare intercorrere una settimana tra un trattamento e l’altro. Questa regola serve soprattutto a dare il tempo alla pianta di assorbire gli elementi e a farli circolare bene in tutti i tessuti. Occorre sempre dare il tempo alla natura di fare il suo corso.

ESEMPI DI BIOSTIMOLAZIONI DEL METODO BESTPRATO

  • Stimolazione generale e depurazione pianta
    • 80 ml di acidi umici e idrolizzati proteici diluiti in 10 litri di acqua e distribuiti con trattamento di tipo fogliare (qui un esempio)
  • Potenziamento fertilità terreno e stimolazione radici
    • 500 gr di acidi umici e acidi fulvici diluiti in 15 litri di acqua e distribuiti con trattamento di tipo radicale (qui un esempio)
  • Stimolazione antistress (estate / inverno)
    • 100 ml di estratto da alghe brune diluito in 10 litri di acqua e distribuiti con trattamento di tipo fogliare (qui un esempio)
  • Attivazione difese della pianta (estate)
    • 20 gr di fosfito di potassio al 60% diluito in 10 litri di acqua e distribuito con trattamento di tipo fogliare (qui un esempio)
  • Attivazione difese della pianta (primavera)
    • 100 gr di ferro e rame chelati diluiti in 10 litri di acqua e distribuiti con trattamento di tipo fogliare (qui un esempio)
  • Attivazione difese della pianta (stagioni di transizione)
    • 30 gr di chelato di manganese e zinco diluito in 10 litri di acqua e distribuito con trattamento di tipo fogliare (qui un esempio)
  • Indurimento fogliare
    • 60 gr di ossido di silicio diluito in 10 litri di acqua e distribuito con trattamento di tipo fogliare (qui un esempio)
  • Stimolazione fotosintesi
    • 100 ml di estratto di alghe brune diluito in 10 litri di acqua e distribuito con trattamento di tipo fogliare (qui un esempio)
  • Protezione dalle malattie (primavera)
    • 50 gr di concentrato di trichoderma diluito in 15 litri di acqua e distribuito con trattamento di tipo radicale (qui un esempio)
  • Protezione dalle malattie (estate)
    • 50 gr di concentrato di bacillus subtilis diluito in 15 litri di acqua e distribuito con trattamento di tipo fogliare (qui un esempio)
  • Sviluppo e potenziamento radicale
    • 250 gr di concime organico-minerale con prevalenza di fosforo e ferro da base organica vegetale diluito in 10 litri di acqua e distribuito con trattamento di tipo fogliare (qui un esempio)
  • Nutrizione di transizione
    • 300 gr di concime NPK liquido bilanciato con titolo 10-5-7 ricco di microelementi, diluito in 10 litri di acqua e distribuito con trattamento di tipo fogliare (qui un esempio)

CONCLUSIONI & PROGRAMMA ANNUALE

Quando il prato viene sottoposto a stress riduce le attività vegetative e sviluppa radicali liberi che indeboliscono la pianta, producendo sbiancamenti, perdita di turgore, appassimenti e diradamenti.

La pianta entra in uno stato di crisi potenzialmente molto dannoso ed in questa situazione la tradizionale concimazione (azoto, fosforo e potassio) non basta.

I biostimolanti agiscono su molti aspetti fisiologi e combattono l’alta presenza di radicali liberi innescando una specie di purificazione della struttura vegetale e stimolando la crescita e lo sviluppo delle radici.

Nel Metodo Bestprato la biostimolazione va vista come importante completamento alla macro-nutrizione. Qui sotto troverai un esempio di programma annuale di nutrizione che prevede, mese dopo mese, l’uso di tutti i principali biostimolanti:

>> Programma Annuale Nutrizione e Biostimolazione

 

 

Comments: 28

  1. Maurizio 10 luglio 2020 at 07:51 Reply

    Buongiorno, ho un piccolo prato di 80 mq circa e ho appena iniziato a seguire i vostri consigli dando summer k 2 giorno fa. Ho acquistato help, always e pregrade. Volevo chiedervi in che ordine darli e quanto tempo far passare tra un trattamento e l’altro
    Grazie per i preziosi consigli.

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 12 luglio 2020 at 10:41 Reply

      Ciao Maurizio, acidi umici (always) e fosfito di potassio (pregade) assieme. Poi nutrizione fogliare (help) verso fine mese.

  2. Matteo 14 giugno 2020 at 09:28 Reply

    Buongiorno,
    Per risparmiare tempo posso mischiare Always con Pregrade. Se si, con quali dosi?
    Grazie

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 21 giugno 2020 at 18:14 Reply

      Ciao Matteo, si è possibile. Prodotti e dosaggi li trovi qui.

  3. Marco 4 giugno 2020 at 18:09 Reply

    Buongiorno
    Ho il prato con poca crescita può essere utile effettuare un trattamento con help?
    Ho conciato 10 gg fa con summer k e effettuo trattamenti con always e pregade.
    Questa settimana darò il protegge con vigor liquid.
    Grazie.

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 6 giugno 2020 at 10:56 Reply

      Marco , nutrire con azoto ureico fogliare è utile (help), ma nel tuo caso stai già facendo abbastanza.

  4. Fabio 1 giugno 2020 at 22:30 Reply

    Buonasera, in riferimento ai trattamenti radicali se non erro in molti video viene indicato di far irrigare il prato dopo il trattamento per alcuni minuti, mentre in questa Vs guida riportate quanto segue: “Solo nei trattamenti radicali, dopo aver distribuito … occorre irrigare il prato per un tempo sufficiente a dare 10/20 millimetri di acqua (10/20 litri al mq).”
    10/20 litri al mq non si riescono a dare con un paio di minuti di irrigazione. Mi sfugge qualcosa?

    Valutazione: 4
    • Staff Bestprato 10 giugno 2020 at 12:15 Reply

      Fabio, solo dopo i trattamenti RADICALI si bagna il prato. In tutti gli altri casi no.

  5. Derio 1 giugno 2020 at 10:31 Reply

    Buongiorno, forse ho fatto una cavolata. Ho fatto trattamento di Always e Vigor liquid mischiandoli insieme in una pompa irroratrice di 15 litri. Dopo il passaggio dell’acqua ho le foglie ancora macchiate. Ho causato un danno?

    Valutazione: 4
    • Staff Bestprato 10 giugno 2020 at 12:17 Reply

      No ma irriga bene il prato.

  6. Raffaello 30 maggio 2020 at 21:06 Reply

    Ciao seguo sempre il vostro programma e questa volta penso di aver fatto un errore, questa pagina mi spiega tante cose ma vorrei una conferma . un prato di 550 mq, zona abruzzo costa 3 km, vista mare.esposto a sud sole tutto il giorno. Il 15 maggio ho messo 14 kq. di summer k e in data 22 maggio ho messo in totale 200 ml di triko plus e 2000 ml di vigor liquid seguendo le tabelle.bagnato 2 min esatti a termine. Poi tempo 2 giorni è andato in piena sofferenza e ancora oggi non si riprende bene,si è spento il colore completamente pensavo fosse un problema di acqua ma non pare… ho irrigato sempre a regolarmente controllando anche con il pluviometro dubitando non fosse sufficiente l ‘acqua. . Cosa posso fare? . Aggiungo prima del trattamento era in ottime condizioni .

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 31 maggio 2020 at 11:50 Reply

      Salve Raffaello, Per quanto riguarda l’uso dei prodotti liquidi e biostimolanti, trova un bell’approfondimento qui, con tutta una serie di quesiti comuni molto ben risposti:

      http://bit.ly/bestprato27-p22

      Qui invece sono elencate tutte le cause possibili degli ingiallimento ed i rimedi, non è facile individuare la causa ma solo lei è in grado di mettere a fuoco bene il problema. È necessario fare controlli e valutazioni come spiegato nell’articolo e mettere in pratica tutti i trattamenti del caso:

      http://bit.ly/cause-ingiallimento

  7. fabio busi 25 maggio 2020 at 12:41 Reply

    buongiono una domanda biostimolante Vigor Liquid va messo sul tapetto prima della concimazione?
    e in quali mesi?

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 10 giugno 2020 at 12:25 Reply

      Ciao Fabio, trovi tutto descritto qui.

  8. valerio 26 ottobre 2019 at 12:59 Reply

    Ciao, ho trattato il prato con Pre Stress. Posso continuare ad irrigare oppure dopo quanto tempo posso riprendere ad irrigare?
    grazie

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 27 ottobre 2019 at 20:32 Reply

      Ciao Valerio, le alghe brune (Prestress) danno il meglio di loro per via fogliare. Non irrigare per circa 24/48 ore.

  9. GIANNI 14 settembre 2019 at 23:50 Reply

    Salve, devo Riseminare il prato e mi sto accingendo ad arieggiarlo prima della semina. Purtroppo ho gia comprato il seme e il terriccio. Volevo chiedere se Alware metabolico lo posso dare dopo la semina e il concime, oppure è meglio aspettare che germini e magari irrorarlo dopo qualche taglio.
    Grazie delle informazioni che date.

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 16 settembre 2019 at 17:38 Reply

      Salve Gianni, Always va usato dopo il primo taglio.

  10. Ivan 30 maggio 2019 at 17:36 Reply

    Dopo circa 40gg di pioggia ho prato leggermente ingiallito e con qualche diradamento ho concimato a metà Marzo prima dell’arricciatura e trasemina con NPK (S) 20-10-10 cosa mi consigliate ora?

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 31 maggio 2019 at 20:56 Reply

      Salve Ivan, puoi iniziare a seguire questo programma. Se noti carenza nutritiva potresti fare una concimazione in più usando questo prodotto.

  11. marco 7 aprile 2019 at 10:15 Reply

    Salve, volevo sapere se, dopo aver preparato il prato con un taglio corto e una scarificazione idonea, era consigliato effettuare prima la biostimolazione e poi la concimazione, o viceversa, o cmq quanto tempo è necessario far trascorrere tra le due operazione. Grazie

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 8 aprile 2019 at 08:40 Reply

      Si Marco, biostimolare dopo la scarificazione è molto utile. Puoi eseguire il trattamento sia prima che dopo la concimazione che è abbastanza indifferente. Volendo scegliere fallo prima.

  12. Donato Berloco 21 agosto 2018 at 17:20 Reply

    Vorrei sapere se i biostimolanti vanno usati prima o dopo la concimazione del prato,quando questa e’ prevista nel programma.Donato

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 22 agosto 2018 at 09:48 Reply

      Ciao Donato, un po’ dipende dal tipo di biostimolante. Se si danno ravvicinati è quasi indifferente. Always e PreStress si possono dare dopo. Vigor Liquid (ammendante) e New Radical anche prima.

  13. Fiorenzo 16 luglio 2018 at 18:04 Reply

    buongiorno
    ho dato natural protegge con Vigor lliquid nel pomeriggio si è messo a piovere devo ridarlo ancora
    saluti

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 17 luglio 2018 at 10:06 Reply

      Salve Fiorenzo, se ha piovuto poco non servirebbe ma è consigliato sempre rifare applicazione dopo 2 settimane.

  14. Luca 11 aprile 2018 at 12:37 Reply

    Buongiorno,
    l’inverno mi ha lasciato un prato notevolmente ingiallito, in realtà il l’ingiallimento era già iniziato a fine estate/autunno, ma essendo alle prime armi ho aspettato il giardiniere che per vari motivi quando è arrrivato ha deciso di postcipare alla primavera.
    Fatta una concimazione a Marzo con prodotto a base d’azoto a lento rilascio + concimazione a base di ferro.
    La maggior parte del prato si è rinverdita, alcune zone sono ancora sofferenti.
    Leggendo i vs. articoli ho visto che consigliate una biostimolazione con Vigor Liquid ad Aprile e successivamente con Always.
    E’ corretto.
    Grazie e complimenti per le informazioni

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 11 aprile 2018 at 19:08 Reply

      Si Luca, la concimazione a base di ferro seguita da una concimazione azotata è ottima. Sicuramente fare 2 trattamenti biostimolanti, uno con Vigor Liquid ed uno più avanti con Always può aiutare la sofferenza sulla quale però vanno indagate le cause.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo