I Benefici del Mulching nel Prato

Valutazione: 5 - 3 recensioni

Tagliaerba mulchingCon il termine mulching (riciclaggio in italiano) si intende il processo di sminuzzamento ripetuto dei frammenti d’erba che produce scarti finemente tagliati che, invece di essere raccolti e rimossi, vengono rilasciati sul prato.

I residui di erba, essendo molto, molto piccoli, si decompongono rapidamente, creando una piccola concimazione naturale e riportando acqua ed elementi minerali nel terreno.

MULCHING POLVERIZZANTE

Più lo sminuzzamento è piccolo, più la decomposizione delle strutture vegetali è rapida. La decomposizione rapida delle fibre vegetali permette di azzerare il rischio che si generi feltro nel prato.

Per questo motivo, quando si deve scegliere un tagliaerba mulching, è importante prestare molta attenzione che il mulching sia ad alta prestazione.

Generalmente solo le attrezzature pensate esclusivamente per fare questo tipo di taglio funzionano veramente bene ed annullano il rischio feltro.

BENEFICI DEL MULCHING BEN FATTO

I principali benefici del mulching:

  • Un giardino attraente e rigoglioso. Lo sminuzzamento finissimo dell’erba fa si che essa si depositi nel fondo del tappeto erboso a contatto con il terreno. Il taglio risulta pulito e le sostanze nutritive e l’umidità contenute nel frammenti d’erba vengono rilasciati nel prato
  • Risparmio di tempo. Niente più interruzioni e fatica per svuotare il cesto di raccolta e trasportarlo nei punti di raccolta o in discarica.
  • Valore ambientale e risparmio di denaro. Quando falciate, raccogliete e rimuovete i frammenti d’erba, private il vostro prato di 1/3 di sostanze nutritive (lo sfalcio ottimale è infatti di 1/3 dell’altezza dell’erba). Il tessuto vegetale rimosso contiene le sostanze nutritive depositate quando avete applicato il fertilizzante. E’ uno spreco di denaro e di prezioso nutrimento. Usando la tecnologia mulching o la polverizzazione recuperate fino al 15/20% del fertilizzante che avete applicato riducendo la quantità di fertilizzante aggiuntivo da applicare.

MULCHING E FELTRO

Sfatiamo un mito. C’è chi continua ad usare la raccolta pensando erroneamente che rilasciando l’erba sminuzzata finemente sul prato si favorisca la formazione del feltro. Non è affatto vero. Il feltro proviene da altre parti della piantina d’erba, non dalla foglia tagliata durante la falciatura. Le foglie triturate hanno un alto tenore d’acqua e tendono a decomporsi rapidamente quando vengono sospinte nel prato.

COME SCEGLIERE IL TAGLIAERBA MULCHING

Come scritto all’inizio di questo articolo, i benefici del mulching sono validi a patto di scegliere tagliaerba in grado di eseguire mulching fine e di alta qualità. Vediamo qualche suggerimento:

Tagliaerba tradizionali mulching.

I tagliaerba che eseguono un buon mulching li riconosci subito: non hanno fori di scarico, hanno la campana di taglio più alta e sono dotato di una lama con una contro elica che serve a mantenere in sospensione l’erba per poterla tagliare più volte.

Da un punto di vista puramente tecnico, i nuovi tagliaerba elettrici a batteria, funzionano ancora meglio di quelli a scoppio, in quanto il motore elettrico è dotato di coppia motrice superiore.

Sullo shop di Bestprato ad esempio troverai i tagliaerba Grin polverizzanti. Si tratta di un’azienda Italiana specializzata solo ed esclusivamente su rasaerba mulching. Unico caso al mondo.

Robot tagliaerba mulching.

Sul fronte dei robot tagliaerba va fatta una distinzione tra i rasaerba a rasoi (tipo questi ad esempio) e quelli con lame (tipo questi). Diciamo subito che il robot tagliaerba, quando è un valido prodotto, crea sempre un buon mulching.

Questo perchè il suo funzionamento lo obbliga a tagliare in continuazione piccole porzioni di erba. La differenza tra i modelli a lame e quelli a rasoi sta nel fatto che i primi riusciranno a fare il mulching anche in condizioni di erba alta, mentre i robot con rasoi faticano molto durante il primo taglio stagionale o quando, appunto, l’erba è alta.

 

 

Comments: 6

  1. silvy 2 settembre 2019 at 08:31 Reply

    nel mio giardino è cresciuta solo graminia, ho 10 mila metri di giardino ed è esposto al sole diretto durante tutto il giorno. Una piccola area davanti a casa esposta al sud tutto il giorno, è stata seminata, mentre tutto il resto l’erba è cresciuta spontanea. Permetto che abito in una zona di campagna. Non avendo in nessun modo conoscenza di nessun genere di prato mi sono arrangiata acquistando un miscuglio di varie graminace. Da qui mi sono trovata a conoscere questa gramigna . Non so se le graminacee che ho acquistato equivale questa gramigna che considero un infestante, è impossibile eliminarla cresce molto in fretta e fa radicamenti lunghi diversi metri. Chiedo un consiglio come debbo comportarmi su questo tipo di prato? Tutto il resto del giardino non è mai stato concimato è molto vasta l’area per cui mi trovo in difficoltà ovviamente cresce di tutto. Solo se rado spesso ll prato riesco a gestirlo un po meglio se salto questo lavoro , apriti cielo, ho diserbanti legnosi. Ho acquistato da questo vostro sito il vostro diserbante, ma ancora non utilizzato, chiedo un consiglio per eliminare l’infestate Aliantus come devo comportarmi? Cresce a vista d’occhio oggi taglio il giorno dopo ritrovo la piantina, se trascuro nel giro di qualche giorno ho diversi focolai di questa specie. leggo che questi infestanti crescono in un terreno povero?? ho provato di eliminarli anche con l’acido muriatico, col sale, crescono dismisura ugualmente senza effetto di eliminarli. E’ una tortura continua hai un suggerimento per queste mia domande? ti ringrazio di cuore

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 5 settembre 2019 at 10:37 Reply

      Ciao Silvy, esistono prodotti di sintesi chimica che eliminano in modo selettivo solo le infestanti. Si tratta di prodotti che non sempre funzionano bene, che sono ovviamente tossici e potenzialmente inquinanti. Per questi motivi abbiamo deciso di non consigliarli e trattarli. Può però decidere di provare una strada alternativa, probabilmente non così efficiente ma sicuramente più sostenibile. L’abbiamo descritta qui.

  2. Vincenzo Cassara 24 giugno 2019 at 09:34 Reply

    salve, non ho ancora effettuato questo tipo di taglio e vorrei acquistare una macchi che faccia questo taglio e volevo sapere se c’è una ciclicità da rispettare per il taglio, esempio io taglio tutte le settimane la domenica alle 19 senza sole.
    Grazie

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 25 giugno 2019 at 17:31 Reply

      Salve Vincenzo. Una buona regola è quella di non tagliare mai più del 30% dell’altezza e regolare la frequenza su questa legge.

  3. Alberto 3 giugno 2019 at 19:30 Reply

    Salve, effettuo da pochissimo il taglio mulching e volevo sapere se c’é un orario preferenziale per effettuarlo, ogni quanto effettuarlo e se è necessario irrigare subito dopo il taglio.
    Grazie mille siete sempre molto utili!

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 4 giugno 2019 at 16:48 Reply

      Ciao Alberto, per il taglio vanno evitate le ore più calde. bene alla mattina o alla sera. Non serve irrigare. Per quanto riguarda la frequenza fai solo in modo di non asportare mail più del 30% dell’altezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo