Concimare il Prato ad Aprile

Valutazione: 5 - 8 recensioni

concimare-prato-aprileLa scelta del fertilizzante giusto per concimare il prato ad aprile (o inizio maggio) dipende dal fatto se si è eseguita o meno una concimazione a marzo:

A – CONCIMAZIONE GIA’ ESEGUITA

Se si è già eseguita la classica concimazione di inizio primavera con un concime specifico per prato contenente un alto tenore di azoto sia ad effetto immediato che a lento rilascio (tipo questo), allora ad aprile non dovrebbero servire altri nutrimenti.

In questo caso si procederà solo ad una biostimolazione fogliare usando preparati organici e naturali a base di acidi umici ed idrolizzati proteici (qui un esempio).

I benefici delle biostimolazioni di questo tipo sono molteplici e molto importanti soprattutto ad aprile quando il prato inizia a crescere intensamente. Gli acidi umici e gli amminoacidi sono dei potentissimi amici in grado di:

  • sostenere ed aumentare la produzione di energia vitale della pianta (fotosintesi)
  • facilitare l’assorbimento degli elementi nutritivi e minerali
  • aumentare la traslocazione dei nutrimenti assorbiti

Si tratta di formulati liquidi da distribuire con pompa a mano o a spalla.  Il dosaggio varia a seconda del numero di applicazioni: usando prodotti tipo Always, serviranno 2 o 3 applicazioni nell’arco di quindici giorni, con circa 80/100 ml di prodotto diluito in 10 litri di acqua per ogni 100 mq di prato. Volendo si può anche fare una unica applicazione con circa 200 ml di prodotto, sempre diluito in 10 litri di acqua.

Una considerazione finale va fatta se la concimazione di primavera è stata eseguita molto presto, ad esempio a fine febbraio/inizio marzo. In questo caso potrebbe essere necessario concimare ancora un po’ il prato per farlo arrivare ben nutrito fino all’estate.

In questo caso useremo un dosaggio ridotti di un buon concime azotato quasi tutto a lento rilascio (ad esempio 20 grammi per mq di un concime tipo questo).

 

B – CONCIMAZIONE NON ESEGUITA

Se invece non si è eseguita ancora nessuna concimazione allora bisogna immediatamente provvedere. Man mano che le temperature salgono e la primavera entra nel suo cuore, la crescita del prato si fa più marcata e veloce e le necessità nutrizionali diventano sempre più importanti e fondamentali per la salute del prato.

La scelta del giusto concime verrà in questo caso effettuata in base allo stato del prato.

B.1. Prato sostanzialmente sano.

Se il prato è sostanzialmente sano e di un buon colore verde, si opterà per un concime abbastanza equilibrato avente però un titolo di azoto superiore alle 20/23 unità.

L’ideale è che l’azoto presente nel concime sia in larga parte a lenta cessione. Questo farà in modo che la nutrizione del prato sia graduale e duri per molte settimane fino a fine primavera.

Ad esempio si potrà usare 30 o 35 grammi per mq di un concime che contenga almeno l’80-90%% della frazione azotata a cessione programmata (tipo questo).

B.2 – Prato ingiallito 

Se invece il prato è sofferente e presenta ancora i classici ingiallimenti di inizio primavera, si sceglierà un concime più energico e potente.

In questo caso è necessario dare al tappeto erboso una frazione azotata a pronto rilascio più elevata. Si sceglierà quindi un concime ad alto titolo di azoto (almeno 25 unità), che contenga almeno il 50% in forma a pronto effetto (un esempio qui).

Per aumentare il potere ammendante del fertilizzante, e per aiutare il pronto recupero del prato, si procederà anche con una biostimolazione radicale da effettuare attraverso composti liquidi ad alta concentrazione di acidi umici (esempio: 500 ml per 100 mq di un prodotto tipo questo).

 

C – CONSIDERAZIONI FINALI

Infine la primavera è il periodo ideale per iniziare un trattamento di contrasto contro le malattie fungine del prato. Iniziando i trattamenti in questa stagione, ed eseguendoli ogni mese, è possibile creare una barriera molto potente contro le tipiche malattie del periodo estivo.

Per questo scopo si possono usare prodotti 100% naturali a base di trichoderma e micorrize (qui un esempio) da distribuire con una pompa irroratrice o anche con un annaffiatoio. Si consiglia di fare un trattamento al mese fino a giugno, usando dosaggi di circa 35/50 ml di prodotto diluiti in 10 litri d’acqua per ogni 100 mq di prato.

Al termine del trattamento bisogna far andare l’impianto di irrigazione per una decina di minuti per far dilavare il prodotto dalle foglie e farlo arrivare al terreno.

Buon Lavoro!

risveglio 960x300

Comments: 16

  1. paolo rubechini 17 aprile 2019 at 10:20 Reply

    un bel servizio di notevole aiuto. Bravi. avrei una domanda, insieme a triko, che dovrei incominciare a dare in questo mese per le malattie fungine del prato, posso usare anche vigor liquid?? mescolati insieme? graize paolo

    Valutazione: 4
    • Staff Bestprato 18 aprile 2019 at 16:52 Reply

      Ciao Paolo, triko e vigor liquid sono fatti per essere dati assieme. Ottima protezione per le malattie.

  2. Roberto 13 giugno 2018 at 16:37 Reply

    salve, il giardiniere mi ha installato 15 gg fa un prato pronto in rotoli modello ROMA dell ditta Bindi…Primo sfalcio fatto dopo circa 7gg..domani effettuerò il secondo. impinato di irrigazione con 15 minuti di acqua alle 6.30 di mattina.
    Volevo sapere come dovevo comportarmi a livello di concimazione e/o funchicidi durante tutto l’anno. Capire se attualemnte devo dare qualcosa.
    Se possibile gradire avere tipo una tabellina dove si evidenziano i prodotti e in che mese utilizzarli.
    Grazie

    Valutazione: 4
    • Staff Bestprato 14 giugno 2018 at 10:54 Reply

      Salve Roberto, il prato appena arriva non ha necessità di nulla per le prima 4/6 settimane. Poi segui questo schema.

  3. Nicolò 26 aprile 2018 at 10:22 Reply

    Buongiorno,
    Purtroppo in seguito ad eccessiva e/o distribuzione disomogenea del concime ho rovinato alcune zone di prato.
    Il prato era infatti sanissimo prima della concimazione effettuata con Sprint N; dopo un paio di giorni sono comparse 4-5 macchie di prato “bruciato”.

    Posso in qualche modo minimizzare i danni e favorire la ripresa delle zone interessate?
    Mi confermate che questo succede quando si esagera con la concimazione?
    Grazie

    Valutazione: 4
    • Staff Bestprato 27 aprile 2018 at 18:17 Reply

      Caro Nicolò, con Sprint N è difficile cha accada, bisogna proprio esagerare molto nella concimazione. Se superi i 45 / 50 gr per mq o lascia cadere cumuli concentrati allora può bruciare. Annaffiare abbondantemente può alleviare il problema.

  4. Eric 10 aprile 2017 at 10:00 Reply

    Salve, ho effettuato una prima concimazione a Marzo con un concime con caratteristiche analoge a Sprint N, avrei intenzione di dare una seconda concimata adesso(Aprile), rischio di bruciare il prato?Puo far bene una seconda concimata o risulta di troppo?

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 10 aprile 2017 at 11:46 Reply

      Caro Eric, controlla bene il concime che hai dato, quanta parte di azoto è a pronto effetto e quanta a lento rilascio. In linea generale ora non servirebbe dare altro azoto se il concime che hai dato è di qualità e con titolo di azoto sulle 20 / 25 unità. Consigliamo eventualmente di eseguire solo una biostimolazione con Vigor Liquid e di programmare la concimazione di maggio con un potassico come Summer K.

  5. Angelo 27 aprile 2016 at 07:55 Reply

    Salve, mi accingo ad effettuare la prima concimazione questa settimana. Siccome qualche settimana fa ho fatto fare un’arieggiatura del prato con la quale ho anche ripulito alcune zone in ombra dove il muschio era dilagato con conseguente risemina (ho utilizzato le vostre sementi specifiche per zone in ombra) mi chiedevo se alla concimazione potevo abbinare un prodotto anti-muschio per evitarne la ricrescita e se il tutto potesse compromettere la crescita delle sono riseminate. Attualmente il manto erboso è in discrete condizioni, non presenta zone sofferenti a parte due grandi formicai (c’è qualche rimedio…??). Grazie

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 30 aprile 2016 at 21:41 Reply

      Caro Angelo, non esiste un prodotto anti-muschio, esistono trattamenti in grado di eliminarlo se presente. Lo spieghiamo bene qui.

  6. Fossati Giancarlo 13 aprile 2016 at 21:37 Reply

    A Marzo ho concimato con Sprint N dopo una settimana ho messo il Vigor Liquid. il prato è bello vcerde e rigoglioso,questa settimana darò l’Alwajs,Grazie delle informazioni.

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 14 aprile 2016 at 08:43 Reply

      Ottima manutenzione! Poco prima dell’estate sarà opportuno concimare di nuovo con un potassico. Novità di quest’anno è il nuovo Summer K, un concime granulare estivo a lento rilascio con poco azoto e tanto potassio per aiutare il tappeto erboso a superare gli stress termici.

  7. paolo 4 aprile 2016 at 17:51 Reply

    il mio prato non mi piace per niente, che concimi devo mettere? a fatto un inverno con 2/3 gelate notturne e parecchia nebbia, ha sofferto il fungo dovuto all’umidita, che devo fare?????

    Valutazione: 5
  8. Maurizio 23 aprile 2015 at 19:00 Reply

    Non è meglio anche riseminare se il prato è rovinato?

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 27 aprile 2015 at 19:06 Reply

      Dipende molto da quanto è rovinato il prato e dal tipo di danno. Per ingiallimenti non molto diffusi, dovuti a mancanza di elementi nutritivi o da inverni freddi e gelate, si può fare solo una concimazione di emergenza con biostimolazione, mentre se vi sono zone diradate allora è preferibile riseminare e concimare. In entrambi i casi può essere molto d’aiuto un’operazione di arieggiatura manuale o elettrica fatta prima delle operazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo