Prato all’ombra. Consigli, problemi e manutenzione.

Un prato per crescere sano ha bisogno almeno 4/5 ore di piena luce. Circa un quarto dei prati esistenti sono situati in zone ombreggiate da alberi, siepi, case, edifici o muretti.

L’ombra, oprato-in-ombraltre a modificare il microclima del suolo (temperatura ed umidità) influisce soprattutto sulla qualità e intensità della luminosità. In caso di prato all’ombra da alberature vi è un ulteriore fattore di stress, ovvero la competizione tra piante (prato e alberatura) in termini di acqua ed elementi nutritivi.

Sotto le alberature, il prato riceve la luce sempre riflessa e mai diretta, questo filtro comporta una modificazione dello spettro della luce con una riduzione della luce utile per fare fotosintesi (luce rossa) e aumentando invece la parte di luce utile per l’adattamento morfologico (luce blu).

In questa situazione il prato all’ombra tende ad allungarsi e diradarsi alla base per muoversi verso l’alto alla ricerca della luce utile, assorbe più acqua, diminuisce la consistenza della struttura e attenua l’intensità della colorazione verde.

Vediamo ora 7 consigli per mantenere in buone condizioni un prato in ombra:

  1. Mantenere l’altezza di taglio non inferiore ai 5 cm per evitare che il prato si allunghi e diradi le radici
  2. Utilizzare concimi bilanciati come il Polygreen o con prevalenza di potassio come Slow K
  3. Impiegare biostimolanti specifici per lo sviluppo e stimolazione radicale come il PreStress. Applicare una volta ogni 2/ 3 mesi in dose di 300ml per 100 metri quadrati.
  4. Controllare e regolare l’irrigazione: normalmente un prato in ombra rimane più umido e richiede minore irrigazione del normale ma sotto le chiome di grossi alberi può verificarsi una forte concorrenza per l’acqua. Potrebbe essere necessario differenziare l’irrigazione tra zone in ombra sotto grossi alberi (talvolta in estate va aumentata anche del 50%) , zone in ombra da edifici e, se presenti, zone al sole.
  5. Bagnare il prato solo alla mattina presto. Questa è una buona regola che vale per tutte le zone del prato anche quelle al sole.
  6. Possibilmente potare la chioma degli alberi per favorire la penetrazione della luce “buona” e la circolazione d’aria
  7. Non attendere di eliminare le foglie cadute dagli alberi, possibilmente con un soffiatore, in modo da mantenere l’erba libera di ricevere il più possibile luce ed aria.
Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo