Le Caratteristiche di un Buon Terreno per il Prato

Sono molte le caratteristiche chimico-fisiche del terreno che influenzano direttamente ed indirettamente la salute di un prato.

Almeno una volta nella vita del prato, bisognerebbe eseguire un analisi professionale del terreno per mettere in luce i problemi da correggere. Si tratta di analisi specificatamente studiate che misurano le caratteristiche che più influenzano il comportamento del tappeto erboso.

Spesso malattie, diradamenti ed ingiallimenti del prato dipendono proprio dal terreno. Capire gli elementi che generano queste criticità potrebbe farci risparmiare tanti trattamenti inutili. Ma quali sono gli elementi da analizzare e cosa potrebbero suggerire? Vediamo i 3 principali fattori da indagare:

1. GRANULOMETRIA
La patte solida del terreno è formata dai granelli di terra che vengono classificati sulla base della loro dimensione: argilla (parte più fina), limo (parte media) e sabbia (parte più grossa). La composizione ottimale del terreno per un prato ornamentale (non parliamo di campi da calcio o da golf) dovrebbe tendere a 70% di sabbia e 30% di argilla. Inoltre la sabbia dovrebbe essere quasi tutta composta da granelli di dimensione da 0.25 a 1 mm di diametro.

Il prato riesce a vivere anche in altre situazioni, ma più la composizione del terreno viene corretta verso questi valori, meno il prato avrà problemi di compattazione, ristagno, asfissia o mancanza di fertilità. Modificare la granulometria del terreno è relativamente semplice perchè molto spesso comporta solo aggiungere sabbia: il terreno medio Italiano è solitamente più incline ad essere argilloso.

2. PH (ACIDITA’)
Il tappeto erboso di microterme (festuche, poe e loietti) vive bene in ambiente sub-acido, dove il pH varia tra 6 e 7. Quando il terreno di un prato esce da questo range di valori, iniziano i problemi. Il prato potrebbe cominciare ad avere difficoltà a trovare alcuni nutrimenti. Quando si scopre che il pH non è ottimale si può intervenire in diversi modi, non tanto per modificare il terreno (cosa difficile), quanto per sopperire alle criticità nutritive. Va detto che per misurare il pH si posso anche usare usare piccoli ed economici tester tipo questo.

3. SOSTANZA ORGANICA
Un buon terreno da prato dovrebbe contenere da 10 a 25 grammi per kg di terra di sostanza organica. Questo livello garantisce la vita ottimale di tutti i microrganismi che sono fondamentali per la salute del prato. Se si scopre che il terreno ha bassi livelli di sostanza organica si interviene con specifici ammendanti umici (un elenco di prodotti lo trovi in fondo all’articolo). Se il terreno invece ha già un’elevata fertilità è meglio limitare le ammendature, per non stimolare lo sviluppo di patologie, e privilegiare l’apporto di microrganismi tipo micorrize e trichoderma.

ALTRI ELEMENTI
Quelli che abbiamo visto fin qui sono solo 3 dei molti elementi che interagiscono e condizionano la prestazione e la salute del prato. Anche tutti gli altri elementi sono in grado di dare utilissime indicazioni di gestione del tappeto erboso. Per fare un esempio, la Capacità di Scambio Cationico o la misurazione del Calcare Totale Attivo possono evidenziare criticità nutritive che creano ingiallimenti o altri problemi. Per questo motivo le analisi professionali indagano tutti gli aspetti e non solo quelli da noi descritti.

A titolo di esempio questo è l’elenco dei valori analizzati dal servizio Bestlab Turf di Bestprato, un servizio di analisi del terreno realizzato in collaborazione con AGEC che, oltre ad effettuare le misurazioni, da anche un giudizio di compatibilità con il tappeto erboso e quindi un indicazione di cosa correggere:

  • Granulometria (sabbia, argilla, limo) con grafico
  • Suddivisione sabbia nelle classi USGA (dimensione granulo)
  • PH (in acqua e KNI) + giudizio di compatibilità
  • Capacita di scambio cationico + giudizio di compatibilità
  • Calcare Totale / Attivo + giudizio di compatibilità
  • Azoto Totale e Mineralizzato + giudizio di compatibilità
  • Carbonio Organico + giudizio di compatibilità
  • Sostanza Organica + giudizio di compatibilità
  • Potassio + giudizio di compatibilità
  • Fosforo + giudizio di compatibilità
  • Ferro + giudizio di compatibilità
  • Calcio + giudizio di compatibilità
  • Sodio + giudizio di compatibilità
  • Magnesio + giudizio di compatibilità

LINKS UTILI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo