La Concimazione degli Alberi da Giardino

Valutazione: 5 - 5 recensioni

Gli alberi, come qualsiasi altra pianta, hanno bisogno di essere concimati. Se in natura un albero adulto vive senza molte cure, quando viene piantato in spazi ristretti o nei terreni poveri dei giardini ecco che un fertilizzante può essere di grande aiuto per la crescita ed il sostegno delle attività vegetative.

Ci sono poi dei segni inequivocabili della necessità di una concimazione, come ad esempio:

  • lenta e ridotta crescita vegetativa dei rami e del tronco
  • foglie più piccole del normale
  • colore del fogliame pallido
  • aumento delle quantità di rami secchi
  • un aumento dei problemi di malattie e insetti.

QUALE CONCIME USARE

Un buon concime per alberi ed arbusti contiene un corretto livello di azoto. L’azoto (N) è l’elemento nutritivo principale, ed è molto importante per la produzione di foglie e il mantenimento della loro colorazione. Ma è importante che il concime contenga anche fosforo (P) e potassio (K). I concimi più adatti hanno un rapporto NPK di circa 3:1:2.

L’azoto deve essere presente sia in forma a pronta cessione che a lento rilascio e si suggerisce l’uso di fertilizzanti professionali con almeno 16/18 unità di azoto, 5/6 di fosforo e 10/12 di potassio. Assieme al fertilizzante minerale è utile aggiungere un ammendate organico vegetale della polvere di micorrize.

Un esempio di tutti questi prodotti lo si trova in fondo a questo articolo.

QUANDO CONCIMARE

Normalmente gli alberi piantumati da poco devono essere concimati tutti gli anni per stimolarne la crescita, ma un’albero già grande e affrancato potrà essere concimato anche ogni 3 anni. I mesi migliori per concimare sono da ottobre a novembre e da marzo a maggio.

DOVE APPLICARE IL CONCIME

Il fertilizzante deve essere posto vicino alle radici. Le radici utili iniziano a qualche metro dal tronco e possono estendersi anche oltre la proiezione della chioma e dei rami più esterni, come ad esempio negli alberi a radici superficiali tipo gli olmi e gli aceri. In tutti i casi è bene estendere l’area da concimare fino a dove si presume arrivino le radici.

COME CONCIMARE

I metodi di concimazione sono sostanzialmente di 2 tipi: superficiale e con forature.

  • CONCIMAZIONE SUPERFICIALE. Il più semplice e più veloce sistema di nutrire l’albero o l’arbusto è quello di spargere il concime sul prato o sul terreno per tutta l’estensione della chioma. Questo è un problema per il tappeto erboso che subirà i danni di un eccesso di concimazione. In caso di terreno nudo la distribuzione non provoca danni ma dovremmo porre attenzione a far arrivare i nutrimenti in profondità con abbondanti irrigazioni per evitare che le radici tendono a svilupparsi in superficie e a diventare più sensibili alla siccità.
  • CONCIMAZIONE CON FORATURE. Questo metodo è più complicato ma molto efficace. Consiste nel praticare dei fori nell’area da concimare con una piccola trivella manuale, un puntale o scavino. I fori vanno fatti a circa un metro l’uno dall’altro, leggermente inclinati e profondi 30-40 cm. Infine vanno riempiti di concime mescolato a terriccio da prato o universale, ghiaia o sabbia e poi va irrigato per attivali. Questa tecnica, oltre ad essere molto efficace perchè mette il concime a stretto contatto con le radici, ha il vantaggio di areare il terreno.

QUANTO CONCIME USARE

Le dosi di concime da applicare variano con le dimensioni dell’alberatura e si calcolano sulla base del diametro del tronco misurato a circa 1 metro da terra. Per calcolare velocemente il diametro basta moltiplicare la circonferenza per 0.318.

Le indicazioni di dosaggio che seguono sono riferite solo ai concimi professionali che troverai indicati nel prossimo paragrafo e aventi titolo NPK di circa 18-5-10. In caso di uso di concimi diversi i dosaggi vanno modificati.

Dosaggio per piante a foglia caduca.

  • Diametro del tronco maggiore di 20 cm (64 cm di circonferenza):
    400 grammi per ogni cm di diametro
  • Diametro del tronco minore di 20 cm (64 cm di circonferenza):
    200 grammi per ogni cm di diametro

Dosaggio per piante sempreverdi.

  • Diametro del tronco maggiore di 25 cm (78 cm di circonferenza):
    400 grammi per ogni cm di diametro
  • Diametro del tronco da 10 a 25 cm (da 30 x 78 cm di circonferenza):
    200 grammi per ogni cm di diametro
  • Diametro del tronco fino a 10 cm (da 30 cm di circonferenza):
    400 grammi per ogni metro di altezza

Dosaggio per siepi sempreverdi

  • Siepi in crescita e adulte
    150 grammi per ogni metro di altezza

Ammendanti e micorrize 

  • Per ogni kg di concime aggiungere 150 grammi di ammendante organico tipo questo o questo
  • Per ogni kg di concime aggiungere 30 grammi di spore di micorrize tipo queste
  • Opzionare ma consigliato aggiungere un inerte in quantità pari al 10% del volume, ovvero ogni 10 parti di concime 1 parte di inerte a scelta fra uno di questi (in ordine di beneficio):
    1. zeolite a base di clinoptiloloite da 1-2.5mm (tipo questa) – SCELTA PROFESSIONALE
    2. terriccio sabbioso (tipo quello per piante grasse o prato, qui e qui gli esempi)  – SCELTA AMATORIALE
    3. perlite da giardinaggio (qui un esempio)  – SCELTA HOBBISTICA

ESEMPI CONCIMI COMPATIBILI CON ALBERATURE

Comments: 8

  1. Riccardo 9 aprile 2022 at 15:57 Reply

    Buongiorno, ho una siepe di oleandri e osmantus piantata lo scorso ottobre. Per la concimazione primaverile sono indeciso tra Nutrattiva e Perfect Life, quale mi consigliate di usare? (lo userei anche per il rosmarino prostrato e le stachis che ci stanno sotto).
    In ogni caso complimenti per per le guide e le sempre ottime informazioni che fornite!

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 9 aprile 2022 at 17:13 Reply

      Ciao Riccardo, sono nutrizioni diverse. Molto più potente il perfect life.

  2. Alessandro 16 settembre 2021 at 12:42 Reply

    Ho un albero di magnolia messo a dimora 20 mesi fa. Il primo periodo ha dato bellissimi fiori e foglie. Quest’anno niente fiori. Foglie solo nella parte bassa dell’albero. Inoltre i boccioli della parte alta sono secchi. Cosa può essere?

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 16 settembre 2021 at 17:34 Reply

      L’albero potrebbe star iniziare a faticare nell’insediamento, Attenzione a irrigazioni e concimazioni.

  3. Fabrizio 15 settembre 2020 at 15:23 Reply

    Dall’articolo non capisco se bisogna concimare gli alberi due volte l’anno (una volta in autunno e una in primavera) o solo una volta l’anno. Chiedo perché ho il timore di effettuare una sovraconcimazione. Grazie!

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 18 settembre 2020 at 12:08 Reply

      Salve Fabrizio, alberi adulti basta una volta, alberi giovani si va di spinta.

      • Fabrizio 24 settembre 2020 at 14:29 Reply

        Grazie mille!

        Valutazione: 5
  4. pieraldo 10 gennaio 2020 at 08:02 Reply

    spiegazion concise ma esaustive ; mi sembra tutto molto bene

    Valutazione: 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo