Come Prevenire la Formazione del Muschio nel Prato in Autunno e Inverno

Valutazione: 5 - 1 recensioni

Il muschio è una pianta infestante molto particolare che si sviluppa in zone ombreggiate, con basso ricircolo di aria e forte persistenza di umidità.

LA STAGIONE PIU’ CRITICA

La stagione più critica per la formazione del muschio è l’autunno e l’inverno, in particolare nei periodi più piovosi e nuvolosi dove il ristagno di umidità è massimo.

Le zone più inclini alla formazione del muschio sono quelle dove l’erba si dirada ed il suolo è argilloso, poco fertile ed incline al ristagno.

QUANDO RIMUOVERE IL MUSCHIO

La rimozione del muschio è un operazione che si esegue attraverso la sua bruciatura tramite solfato di ferro, seguita da una rimozione meccanica (arreiggiatura) e successiva risemina per occupare gli spazi vuoti.

Si tratta di operazioni che NON vanno fatte a fine autunno o in inverno, ma solo in coincidenza dei periodi di rapida ricrescita dell’erba come ad esempio l’inizio della primavera.

COSA FARE IN AUTUNNO / INVERNO?

In tutti gli altri periodi, ed in particolare proprio in autunno inoltrato o in inverno, è però possibile mettere in atto una serie di operazioni per prevenire, contrastare e limitare la formazione del muschio.

Le operazioni da eseguire toccano tutti gli aspetti che causano la formazione del muschio stesso e, se messe in atto correttamente, sono in grado di limitarne notevolmente lo sviluppo. Vediamole uno per una:

MIGLIORARE LA CIRCOLAZIONE DELL’ARIA

Per asciugare più rapidamente possibile il terreno è importante mantenere il circolo dell’aria al suo massimo livello, quindi vanno rimossi con regolarità tutti gli ostacoli che potrebbero fermare la ventilazione, come foglie, detriti vegetali e piccoli residui di sfalcio.

AUMENTARE IL DRENAGGIO E DIMINUIRE L’UMIDITÀ

Uno dei lavori più utili per prevenire il muschio è fare in modo che il terreno dreni velocemente gli eccessi d’acqua e si liberi dell’umidità. Far cadere la rugiada a terra e non farla rimanere nelle foglie metterà in crisi il muschio che, ricordiamolo, usa solo la parte aerea per assorbire nutrimenti proprio attraverso l’umidità.

Di grande utilità è eseguire alcuni trattamenti con un agente umettante (qui un esempio) che abbasserà la tensione superficiale dell’acqua, farà scivolare via le gocce d’acqua che verranno poi assorbite dal terreno molo più rapidamente.

A seconda della situazione più o meno grave, si esegue un trattamento ogni 3 o ogni 5 settimane a partire da novembre fino a febbraio

ACIDIFICARE E SATURARE DI FERRO

L’azione caustica e acidificante di alcuni concimi ricchi di ferro (in forma di solfato) è in grado di limitare notevolmente lo sviluppo del muschio. Per questo, in autunno ed inverno, vanno usati dei fertilizzanti ferrici in dosaggio tale da contrastare efficacemente lo sviluppo e l’espansione dei muschi.

Facendo riferimento ad un prodotto tipo questo, si consiglia di distribuirlo nelle zone critiche, in dosaggio di 35 grammi per mq.

SOSTEGNO DEL PRATO

È evidente che il muschio si sviluppa solo se trova spazio. Lo spazio libero si genera molto spesso per la difficoltà che hanno alcune sementi usate nei tappeto erbosi, di svilupparsi in zone ombreggiate o molto umide. L’uso degli agenti umettanti (di cui abbiamo parlato prima) è sicuramente un modo molto concreto di aiutare il prato a vivere meglio in queste zone.

Un’altra operazione che consigliamo di fare è quella di sostenere attivamente la fotosintesi clorofilliana del prato, per stimolarlo a contrastare il diradamento e assottigliamento. Per questo è molto, molto utile eseguire uno o due trattamenti con prodotti a base di alghe brune (tipo questo).

Questi trattamenti vanno eseguiti circa una settimana dopo aver distribuito l’agente umettante ed il concime ferrico.

NOTA FINALE

Rimane di enorme importanza nutrire correttamente tutto il prato, in particolare durante l’autunno e l’inverno. Un prato debole e poco nutrito, soffre molto di più la scarsità di luce e il freddo. Il consiglio è di non far mai mancare un significativo apporto di potassio e d azoto  (trovi tutti i consigli pratici qui).

Comments: 2

  1. adriana 13 novembre 2019 at 12:42 Reply

    Buongiorno,
    bel sito, scoperto da poco. Avrei bisogno di un vostro consiglio:
    ho seminato il prato all’inizio di ottobre e fatto il primo taglio una decina di giorni fa. Con la stagione piovosa ma ancora mite il prato è ancora cresciuto molto. il programma era di fare un secondo taglio, concimare con slow K, e trattare con pre stress botton.Non sono più riuscita a tagliarlo perché il terreno è troppo zuppo (terreno argilloso, esposizione nord, zona Piemonte) questa notte ha fatto la prima gelata notturna. Posso ancora tagliarlo approfittando del terreno più duro dopo la gelata o devo lasciarlo alto? Posso ancora trattarlo? Domani è prevista neve. Il prato resta solitamente coperto dalla neve fino alla fine di marzo o oltre…
    grazie e buona giornata

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 15 novembre 2019 at 09:16 Reply

      Salve Adriana, meglio non fare nulla. Se disgela e sparisce la neve allora va di taglio e concimazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo