Settembre è il mese perfetto per i Lavori nel Prato

Valutazione: 5 - 2 recensioni

Sia che tu debba seminare un prato nuovo (qui un approfondimento) o rigenerare un prato danneggiato (ne abbiamo parlato qui), settembre rappresenta il mese ideale, il periodo migliore in assoluto.

In autunno, rispetto alla primavera si verifica la coincidenza di 3 situazioni molto più favorevoli che rendono le semine e le risemine del prato più facili da realizzare e più efficaci nel risultato finale.

1. IL TERRENO E’ PIU’ CALDO
A differenza della primavera dove il terreno, terminato l’inverno, è freddo, a fine estate il suolo è ancora caldo. Questo tepore favorisce molto la germinazione delle sementi che avviene in maniera più potente e completa.

Il risultato è un prato più compatto e fitto che riesce a chiudere il terreno in meno tempo.

2. MENO MALATTIE E POCHI STRESS TERMICI
Nelle semine e risemine di primavera, spesso accade che dopo poche settimane arrivIno gli stress delle alte temperature ed i colpi di calore che, uniti agli alti tassi di umidità, favoriscono l’insorgenza delle malattie fungine.

In autunno invece questi rischi sono molto più bassi. Le malattie sono meno pericolose, i colpi di calore praticamente assenti e quindi l’eventualità che una malattia fungina rovini il nostro prato (quando è ancora debole) è molto più remota.

3. POCHE INFESTANTI
Le infestanti che germinano ed arrivano in autunno sono molto meno numerose rispetto a quelle della primavera e dell’estate. Questi significa che il prato avrà tutto il tempo di chiudere il terreno senza trovare ostacoli, senza cioè che altre piante erbacee indesiderate vadano in competizione con lui.

Anche qui l’effetto finale è un prato subito più bello ed uniforme.

CONCLUSIONI

Infine, le semine e risemine di autunno sono molto più performanti perchè, anche quando le temperature si abbassano e arriva l’inverno, se il prato ha raggiunto la sua maturità, non c’è nessun pericolo. Il freddo non è un problema per il prato.

Anzi, se avremmo eseguito un corretto piano di concimazione e quindi anche la fertilizzazione potassica di fine autunno, il prato continuerà ad irrobustirsi anche durante l’inverno e al risveglio primaverile sarà perfettamente sano, con davanti ulteriori mesi per rinforzarsi ancora di più in vista dell’estate successiva.

Ovviamente per ottenere questi risultati è necessario eseguire semine e risemine ben fatte, usando sementi fresche di ottima qualità e seguendo un preciso piano di concimazione.

ESEMPI ED APPROFONDIMENTI

 

Comments: 4

  1. aldo 15 settembre 2018 at 23:10 Reply

    salve a tutti..
    in questi giorni sto vangando e fresando il terreno del giardino. il terreno è argilloso e devo mischiarlo con sabbia di sasso molto fine (estratta l’anno scorso dalla realizzazione di un pozzo freatico) che avevo usato anche la primavera scorsa per realizzare la prima parte del prato che sembra sia andato abbastanza bene.. ho acquistato da voi un bancale di terriccio per prato: sarebbe ottimale miscelare eventualmente con un pò di questo terriccio la sabbia e a sua volta spargerla sopra il prato fresando per una decina di cm..? o converrebbe miscelare il terreno con la sabbia il profondità e poi spargere un buon quantitativo di tericcio fresando leggermente ?
    grazie in anticipo..

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 17 settembre 2018 at 13:12 Reply

      Salve Aldo, per virare un terreno argilloso è necessario usare alte concentrazioni di sabbia meglio se leggermente fertilizzata. La modifica potrebbe riguardare solo uno strato di 5 cm per evitare di dover acquistare grandi quantitativi. Il terriccio noi lo consigliamo solo se il terreno è poco argilloso o asfittico. Va sempre usato invece come letto di semina finale in quantità di qualche millimetro superficiale.

      • aldo 17 settembre 2018 at 23:17 Reply

        grazie Infinite della risposta.. approfitto della gentilezza chiedendo ulteriori informazioni:
        ho eseguito la fresatura del prato aggiungendo al terreno un buon quantitativo di sabbia e mi accingo a seminare il prato con “Royal Park”, stendendo prima un leggero spessore di terriccio “cambio” e rullando. poi concimerò con “pro-start”.. fin qui penso tutto ok.. ho del concime “superTurf”, va bene questo concime da dare dopo il primo taglio o devo acquistare lo SlowK.. credo che il primo taglio sarà a fine ottobre o inizio novembre ma considerando che abito al centro-sud Sardegna dove il freddo arriva sicuramente più tardi potrebbe non essere un problema !!??.. cosa mi consigliate ? infine, devo concimare ulteriormente poi, prima dei veri freddi invernali..? con cosa e periodi ?

        grazie ancora cordialmente..

        Valutazione: 5
        • Staff Bestprato 18 settembre 2018 at 13:41 Reply

          Salve Aldo. Dopo il primo taglio sicuramente un po’ di Super Turf va bene. Basta in dosaggio ridotto del 50%. Poi qualche settimana prima del freddo un potassico. Va bene Slow K o anche NaturalGreen Estate / Inverno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo