Come Rinforzare il Prato dopo il Taglio

Stimolare e sostenere il prato è molto importate soprattutto dopo i primi tagli di un tappeto erboso seminato nuovo oppure da poco riseminato. Rinforzare il prato dopo i tagli è comunque un’ottima abitudine valida anche per un tappeto erboso adulto.

LO STRESS DEL TAGLIO

L’erba adulta sopporta senza troppi problemi i tagli frequenti, ma un prato giovane no: occorre prestare attenzione ed aiutarlo durante la crescita, in maniera particolare dopo i primi tagli.

Da un punto di vista agronomico, il taglio è un segnale che diamo alla pianta di emettere nuove foglie, ma nella pratica è anche una ferita.

Quando le foglie d’erba sono ancora giovani e sottili, queste ferite, unite agli schiacciamenti delle ruote del tosaerba e al calpestio di chi lo conduce, sono uno stress che tende a rovinare ed indebolire la pianta.

COME AIUTARE

Per questo motivo un giovane prato appena tagliato andrebbe sempre aiutato e per farlo possiamo scegliere due strategie.

La più semplice è quella di eseguire un trattamento fogliare utilizzando acidi umici ed idrolizzati proteici da distribuire per via liquida con pompa irroratrice (qui un esempio).

È un trattamento rapido e di buona efficacia, che tonifica tutta la pianta e la rende più reattiva.

Un secondo trattamento, più potente e stimolante, si basa invece sull’uso delle alghe brune, somministrate al prato per via radicale (tipo queste).

Anche qui si tratta di un prodotto liquido, da distribuire con pompa irroratrice, a cui va fatto seguire una breve irrigazione per dilavarlo dalle foglie e farlo arrivare al terreno.

Le alghe brune sono molto potenti e il loro aiuto si manifesta soprattutto nell’incrementare la fotosintesi clorofilliana e lo sviluppo radicale che si traduce in un rapido ispessimento e irrobustimento dei fili d’erba.

IL TOCCO MAGICO

Assieme alle alghe brune, già molto efficaci anche da sole, possiamo mescolare altri prodotti per creare una sinergia ancora più potente e differenziata.

Possiamo ad esempio mescolare dei concentrati di trichoderma e micorizze, che proteggeranno il prato dalle malattie ed incrementeranno il volume radicale (qui un esempio).

Ed infine, per aumentare la durata dei benefici, è possibile aggiungere un piccolo quantitativo di un agente surfattante (tipo questo) che manterrà la soluzione circolante molto più a lungo nei primi 20 cm di terreno.

LA NUTRIZIONE VERA E PROPRIA

Per iniziare a seguire un calendario standard di concimazione del prato (tipo questo per capirsi), è necessario attendere di aver eseguito almeno 3 o 4 tagli. Bisogna cioè dare il tempo al prato di fortificarsi e di radicare correttamente.

Dopo questo tempo potremmo eseguire la concimazione più corretta per la stagione in arrivo, scegliendo un concime granulare a lenta cessione capace di nutrire il tappeto erboso nelle 8/10 settimane successive.

CONCLUSIONI

I trattamenti di stimolazione sono utili non solo nel caso di un prato appena seminato o riseminato, ma anche in tutti quei casi nei quali si desidera che il tappeto erboso riprenda vigore in tempi stretti e sia più reattivo nei confronti di stress di varia natura.

Tipico caso è l’uso delle alghe brune per sostenere ed aiutare le difficoltà che hanno i prati nelle zone d’ombra o il recupero dei diradamenti causati da malattie o altri fattori esterni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo