5 Errori da Evitare in Inverno nel Prato

L’inverno, contrariamente a quanto si pensa, è una stagione molto critica per il prato.

Freddo, brina, gelate, alti tassi di umidità, scarsa presenza di luce solare, contribuiscono a stressare notevolmente l’erba e, potenzialmente,  a compromettere la ripresa vegetativa di primavera.

Ecco i 5 più gravi errori da evitare:

1. NON TAGLIARE IL PRATO
Se l’erba supera i 7 cm di altezza il prato va sempre tagliato, anche d’inverno. Se le temperature non scendono sotto i 7/8 gradi l’erba continua a crescere e, se lasciata alta, si indebolirà. Quando tagli, fai attenzione a scegliere una giornata mite e poco umida. Il taglio mulching va bene a patto che polverizzi correttamente.

2. CAMMINARCI SOPRA
In caso di brina, gelate o neve devi evitare di camminarci sopra. Il gelo annulla l’elasticità dei tessuti vegetali e camminarci sopra rompe le cellule. Il risultato è che il prato ingiallisce talvolta in maniera irreversibile.

3. TENERE IL PRATO SPORCO
Foglie, residui vegetali e aghi di pino sono nemici del prato sopratutto in inverno. Diminuiscono ancora di più l’assorbimento della luce e riducono lo scambio di ossigeno e CO2. Tenere il prato pulito è importantissimo. Per farlo bene e velocemente puoi usare i rastrelli a ragno o gli soffiatori / aspiratori.

4. OCCHIO AL SALE ANTIGHIACCIO
Il sale antighiaccio che si usa nei marciapiedi e nei camminamenti, se finisce per sbaglio nel prato, provoca inevitabili bruciature e danni. Fai molta attenzione mentre lo distribuisci: può aiutarti un carrello spargisale con deflettori laterali oppure usa sale antighiaccio senza cloruro di sodio.

5. CONCIMARE CON FERRO
Per recuperare un prato ingiallito in alcuni casi si usano concimi con ferro. Il ferro ha un’azione rinverdente immediata. Questa operazione, ottima da eseguire in primavera, va evitata d’inverno in quanto potenzialmente dannosa. Se hai bisogno per motivi estetici di far tornare il prato verde d’inverno puoi usare specifici coloranti naturali.

Per concludere è evidente che il prato supererà molto meglio l’inverno se eviti questi 3 errori ma rimane importante che tu abbia eseguito la concimazione potassica (ne parliamo qui) prima dell’arrivo del freddo: dopo metà dicembre, in particolare al nord Italia, potrebbe essere troppo tardi.

 

LINKS CITATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo