La Guida ai Lavori di Novembre nel Prato

Valutazione: 5 - 9 recensioni

Introduzione (3.11.2019) // Quest’anno, la prima parte dell’autunno è stato mite con temperature spesso sopra le medie stagionali. In questa situazione il prato cresce di più consumando maggiormente i nutrimenti nel terreno. Occhio quindi a non saltare le concimazioni altrimenti, a dicembre o gennaio, il tappeto erboso potrebbe iniziare a faticare, ingiallendosi molto e diradandosi.

Vediamo punto per punto tutti i lavori da eseguire:

1. CONCIMAZIONE

La concimazione del prato pre-invernale la si dovrebbe eseguire a fine ottobre. In questo caso a novembre non serve concimare perché i fertilizzanti che solitamente si usano sono a lento rilascio e coprono anche più di 3 mesi.

Se i­nvece ad ottobre ti sei dimenticato di eseguire la nutrizione in vista dell’arrivo dei mesi freddi, sei ancora in tempo di eseguirla.

Si tratta di una concimazione fondamentale per irrobustire e proteggere il prato durante l’inverno e la si esegue usando un buon fertilizzante potassico-azotato per prato (tipo questo o questo).

2. BIOSTIMOLAZIONE

A novembre le giornate si accorciano e quindi c’è meno luce. Il prato inizia a faticare e va aiutato a non assottigliarsi e diradarsi. Se hai già fatto un trattamento con prodotti a base di alghe brune (qui un esempio) non serve rifarlo subito. Potrai eseguire un secondo trattamento verso fine mese o a inizio dicembre.

Se invece ad ottobre non hai fatto nulla, allora le alghe brune potrebbero essere molto utili al tuo prato. Questi trattamenti servono a potenziare la fotosintesi clorofilliana e a sostenere le attività metaboliche della pianta.  Facendo riferimento ad un prodotto tipo questo, si consiglia di usare 200 ml di soluzione diluiti in 10 litri di acqua per ogni 100 mq di prato.

3. PREVENZIONE MALATTIE

Per quanto riguarda la prevenzione delle malattie fungine, novembre è il mese che conclude il ciclo dei trattamenti di protezione. È l’atto finale di difesa prima dello stop invernale.

Da un punto di vista pratico si esegue solo l’ultima somministrazione di trichoderma e micorrize, mentre si può tralasciare i trattamenti di induzione alla resistenza.

Esempio pratico:

  • somministrazione da 35 a 50 ml di un concentrato di trichoderma (tipo questo o questo) da diluire nei classici 10/15 litri di acqua per ogni 100 mq di prato. Per aumentare l’efficacia è possibile anche mescolare assieme 200 ml di acidi umici e fulvici (qui un esempio).

4. PREVENZIONE INSETTI DANNOSI

I rischi legati agli insetti e alle larve dannose a novembre sono assenti e quindi non serve fare nulla

5. TAGLIO

Prima dell’arrivo dei freddi invernali è importante alzare l’altezza di taglio dell’erba. Il prato durante i mesi freddi va tenuto più alto per fare in modo che si protegga meglio e per sopperire con più foglia alla scarsità di luce.

Tenere il prato più alto porta significativi benefici anche contro le infestanti in quanto il tappeto erboso tende a diventare più compatto e a lasciare meno spazi vuoti. Rimane comunque valida la regola che se il prato oltrepassa i 8/9 cm di altezza va sempre tagliato, anche in inverno.

Molto importante è invece tenere il prato il più possibile pulito dalle foglie che vanno rastrellate con costanza settimanale. Lasciare foglie nel prato toglie luce, blocca la traspirazione e mantiene tutto molto più bagnato. Sotto le foglie, nel giro di poco tempo il prato scompare.

6. IRRIGAZIONE

Di norma a novembre si smette del tutto di irrigare il prato anche al sud Italia. Fai attenzione però che se non dovesse piovere per molte settimane, è importante comunque dare acqua anche d’inverno.

7. GESTIONE DEL FELTRO

Sappiamo che il feltro causa molti problemi al tappeto erboso ma a novembre è meglio non fare nulla. Eseguire la rimozione del feltro nei mesi freddi è sconsigliato in quanto non ci sono poi le condizioni necessarie ad eseguire una risemina. Meglio posticipare i lavori a fine febbraio (qui un approfondimento).

8. INFESTANTI

A novembre il pericolo infestanti diminuisce significativamente. Rimane l’insidia di qualche dicotiledone, che spunta qua e là, e della poa annua che va in semenza. Una parte della criticità può essere superata alzando l’altezza di taglio, ma rimane sempre utile la vecchia abitudine di fare, ogni settimana, un giretto nel prato armati di coltellino per estirpare alla radice le malerbe.

9. TERRENO

Se sai che il terreno è povero di sostanza organica puoi decidere di reintrodurla tutto l’anno, anche in inverno. Male non fa, anzi. L’unica accortezza è scegliere i giusti prodotti compatibili con il prato che possono essere liquidi (tipo questo) o granulari (come questo).

Non è facile accorgersi che manca sostanza organica senza eseguire una analisi del suolo. Un indicatore di mancanza di fertilità potrebbe essere la totale assenza di lombrichi e dei loro tipici piccoli cumuli di terra.

10. SEMINE E RISEMINE

Seminare e riseminare a novembre è complicato. Affinché avvenga la germinazione c’è bisogno di un paio di settimane con temperature sopra i 15° di giorno e 8/10* di notte.

Sono condizioni difficili da trovare al nord Italia ma non impossibili al sud. Di norma, al nord Italia, è preferibile spostare a fine febbraio queste lavorazioni anche perché, dopo la germinazione, c’è bisogno di un periodo di 2/3 settimane di temperature miti.

Meglio usare l’inverno per progettare bene tutti i lavori (qui la nostra guida).

Comments: 18

  1. Giuseppe 20 novembre 2019 at 18:40 Reply

    Buonasera, ho seminato 2 prati con Royal Blue Plus rispettivamente a Ottobre ed i primi di Novembre, essendo in Sicilia con un temperatura tra i 16 e 22, è venuto abbastanza bene ma ho due quesiti:
    1) Comincia a spuntare qualche erbaccia tipo trifoglio e ortica, posso innaffiare con qualche diserbante? Ho paura che mi bruci il prato
    2) Devo concimare lo stesso dopo 5 settimane anche se ho dato lo starter?
    grazie

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 24 novembre 2019 at 10:43 Reply

      Ciao Giuseppe. Se proprio devi fare i diserbi attendi primavera. Leggi anche questo prima. Per quanto riguarda la concimazione sì, è molto importante dare un concime potassico tipo questo prima dell’inverno.

  2. michele 8 novembre 2019 at 10:30 Reply

    Buongiorno,il mio dilemma è i seguente…
    ho costituito una prato ex novo a metà ottobre,zona pianura padana emiliana,sfruttando un ottobre mite ho riportato uno strato di 10-15 cm di terreno nuovo misto al 40% di sabbia del po,ho steso un paio di cm di terriccio CAMBIO,seminato e concimato rispettivamente con natural green,slow green e pro start nelle dosi consigliate,eun po di micorizze.le sementi hanno germinato correttamente e ad oggi dopo 3 settimane mi trovo con 3/4 di prato che è arrivato alla soglia dei 6-8 cm mentre il restante 1/4 ha germinato più lentamente e si trova ancora in fase di germoglio di 2-4 cm.la damanda è: è il caso di effettuare comunque il primo (e anche ultimo taglio) prima della pausa invernale,nonostante la parte più indietro di prato,o meglio rimandare il taglio a primavera?…altra domanda…devo fertilizzare ancora con altri prodotti o la copertura è già sufficiente con i prodotti granulari dati a metà ottobre? grazie in anticipo a tutto lo staff

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 11 novembre 2019 at 08:24 Reply

      Ciao Michele, attendo che la parte alta abbia raggiunto i 10/11 cm e poi taglia. Anche se è inverno. Dopo 5 settimane dalla semina fai comunque queste operazioni di concimazione.

  3. spino 8 novembre 2019 at 10:09 Reply

    Buongiorno
    ho dato pre stress ieri nel pomeriggio (su foglia asciutta, preventivamente asciugata con un tappeto leggero) ma questa mattina ha piovuto parecchio (sono a roma).
    Il prodotto è stato dilavato e quindi non devo considerare il trattamento come fatto o è bastato che stesse sulla foglia 2/3 ore per esssere assorbito?
    Qualora fosse stato dilavato devo quindi aspettare che non piaova per un paio di giorni per provare a dare nuovamente pre stress?
    grazie

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 11 novembre 2019 at 08:22 Reply

      Si Spino, meglio ridare le alghe brune (Prestress) che hanno bisogno di 12/24 ore di foglia asciutta. Oppure aumenta il dosaggio del 50% e dalle per via radicale.

  4. Giuseppe 7 novembre 2019 at 16:15 Reply

    Buonasera e complimenti per l’articolo scritto sempre in modo chiaro ed esauriente. Venerdì scorso ho distribuito soccorre + protegge e poi innaffiato; domenica (a distanza di 48 ore) ha piovuto abbondantemente (90mm di pioggia) e mi chiedo se ha dilavato (dal primo strato di terreno) tutto il trattamento fatto venerdì. Occorre ripetere il trattamento?

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 11 novembre 2019 at 08:18 Reply

      Ciao Giuseppe, la pioggia è stata tanta e qualcosa potrebbe aver dilavato. Se vuoi puoi ripetere, ma attendo un paio di settimane.

  5. Giulio 7 novembre 2019 at 15:05 Reply

    Avendo fatto una risemina tardiva a metà Ottobre, devo ancora effettuare la concimazione potassica preinvernale, presumibilmente la prossima settimana (16 Novembre è una seconda casa quindi non sono sempre lì). Per fare la concimazione ma dovendo mantenere il taglio alto a 6/7 cm è un problema?

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 11 novembre 2019 at 08:16 Reply

      Non Giulio, nessun problema.

  6. Stefano 7 novembre 2019 at 11:54 Reply

    Buongiorno, verso fine settembre ho arieggiato, traseminato con Royal Park e concimato con Bio Start Mini Bottos, consiglia un ulteriore concimazione?

    Ciao e grazie

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 11 novembre 2019 at 08:16 Reply

      Si Stefano, con questo.

  7. walter 6 novembre 2019 at 12:54 Reply

    le tue indicazioni, suggerimenti, consigli e altro le trovo molto valide e cerco di applicarle per quel che posso fare visto che non sono un gran “giardiniere”.
    grazie

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 7 novembre 2019 at 09:59 Reply

      Grazie a te Walter!

  8. Anna 6 novembre 2019 at 10:35 Reply

    Buongiorno BestPrato, in merito all’irrigazione ho un dubbio: nel caso il prato fosse per metà riparato da un balcone sovrastante, in autunno/inverno continuo ad irrigare con 25 litri di acqua a settimana?
    Grazie mille

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 7 novembre 2019 at 09:57 Reply

      Si può diminuire moltissimo, quasi del tutto (al nord Italia). Osserva il prato e cerca di capire se ha bisogno di acqua.

  9. Ignazio Sardinia 6 novembre 2019 at 09:49 Reply

    Buongiorno, a proposito di concimazione, mi è avanzato molto summer k da questa estate, ho visto che la combinazione è simile all’autumn k, posso utilizzarlo comunque in questo periodo?
    Grazie

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 7 novembre 2019 at 09:53 Reply

      Sì Ignazio puoi usarlo, solo che ha poco azoto. Autumn K a novembre è più indicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo