Come Scegliere le Migliori Sementi per Riseminare il Prato?

La scelta delle sementi per riseminare un prato danneggiato è un momento di fondamentale importanza per fare in modo che il prato recuperi i danni in modo veloce e duraturo.

Ma non solo: sbagliare sementi è in grado di compromettere completamente la risemina. Il prato all’inizio sembrerà germinare e riprendere salvo poi danneggiarsi definitivamente nel giro di poche settimane. Soldi e tempo buttati via, senza contare la frustrazione di non avere più un prato bello.

Vediamo punto per punto gli elementi più importanti da prendere in considerazione per scegliere le migliori sementi:

IL DANNO
Per prima cosa le sementi da risemina devono risolvere o contrastare il problema esterno che ha causato il diradamento. Il danno può derivare da malattie fungine, alto calpestio, siccità, infestanti stagionali o prestazione generale. Esistono varietà di sementi capaci di contrastare più o meno efficacemente ciascuno di questi problemi.

IL CLIMA
Il danno del prato potrebbe anche essere causato da una inadeguatezza del tappeto erboso alle condizioni di clima o di esposizione solare del luogo. Classico esempio sono le specie da sole che scompaiono del tutto nelle zone in ombra lasciano un prato diradato e finissimo. E’ necessario quindi controllare bene le prestazioni delle nuove sementi che dovranno adattarsi perfettamente alle medie climatiche e alle ore di luce solare.

IL COLORE
Un errore da evitare è quello di riseminare il prato con specie di colore troppo diverso dall’esistente. L’effetto macchia di leopardo è quanto di più sgradevole possa capitare dopo aver riseminato il prato ed atteso pazientemente il primo sfalcio…

LA COMPETIZIONE
L’ultimo elemento sul quale prestare massima attenzione à la competizione del prato esistente, il quale crescendo e rafforzandosi durante le fasi di germinazione di quello nuovo, potrebbe oscurarlo, togliere luce, togliere spazio e togliere nutrimenti. In altre parole indebolirlo e non lasciarlo crescere.

*** IL METODO BESTPRATO ***
La complessità del tenere uniti tutti questi elementi suggerisce di rivolgersi sempre ad un professionista o a un esperto che conosca molto bene le caratteristiche dei miscugli di un buon produttore. Per questo motivo in Bestprato abbiamo attivato un servizio di consulenza, completamente gratuito e senza impegno, nel quale diamo indicazioni ed aiuto specifico. Il servizio si chiama Doctorgreen e lo trovi qui.

Vediamo 6 principi generali, 6 regole di base che usiamo anche noi in Bestprato, per scegliere correttamente le migliori sementi da risemina. 

  1. REGOLA DEL POCO SPAZIO
    Quando i diradamenti non sono molto ampi si tende a scegliere miscugli con alte percentuali di loietti.  Queste tipologie di sementi si contraddistinguono per la loro rapidissima germinazione ed insediamento. L’erba nuova non subirà la competizione del prato esistente proprio perchè crescerà rapida e veloce.
  2. REGOLA DEL TANTO SPAZIO
    Se le zone diradate sono ampie potremmo scegliere sementi con germinazione e crescita più lenta, optando ad esempio su miscugli più specifici o che richiedono meno manutezione come ad esempio quelli composti da una parte significativa di festuca arundinacea o di poa.
  3. REGOLA DELL’OMBRA
    Se le zone danneggiate ricevono meno di 2/3 ore di luce bisognerà dimenticare i mix di loietti (che hanno bisogno di tanta luce) ed optare su miscele contenenti una percentuale piuttosto alta di festuche fini. Alcune varietà di ultima generazione di festuca arundinacea sono capaci di resistere anche in ombra ma bisogna porre attenzione ad usarle insieme alle festuche rubre (fini).
  4. REGOLA DELLE MALATTIE
    Se il diradamento deriva soprattutto da danni da malattie fungine ha molto senso orientarsi su sementi endofizzate e realizzate con varietà specifiche, più resistenti ai funghi patogeni. Ovviamente la lotta alle malattie fungine si attua attraverso specifici programmi preventivi e controllando molto bene l’irrigazione, ma usare sementi resistenti aiuta molto a tenere lontano i dannosi microrganismi.
  5. REGOLA DEL COLORE
    Dal punto di vista teorico, se il prato non ha un colore uniforme, la regola suggerisce di scegliere sementi più scure e di riseminare non solo le parti danneggiate ma tutto il prato. In questo caso spesso si usano varietà di provenienza americana, che sono tra le più scure oggi disponibili.
  6. REGOLA DELLA MANUTENZIONE
    Diciamo subito che un prato se non viene regolarmente tagliato, concimato ed irrigato non potrà mai rimanere sano. Detto questo esistono alcune varietà di festuca arundinacea che crescono meno, necessitano di meno acqua e relativamente meno concime. In linea generale vale anche la regola che più il colore dell’erba è scuro e più saranno necessarie operazioni agronomiche per mantenerlo.

CONCLUSIONE E SUGGERIMENTI PRATICI
Come si sarà capito, scegliere buon sementi è la chiave per permettere al prato non solo di recuperare il danneggiamento rapidamente ma anche evitare che il prossimo anno si ripresenti lo stesso problema.

Rimane fondamentale eseguire la risemina correttamente seguendo passo passo i dettami di una buona guida. Qui trovi il nostro Metodo di Risemina Autunnale  in 7 passaggi. Quello primaverile è qui.

Un nota pratica: per raggiungere un insediamento adeguato,  il dosaggio delle sementi in risemina andrebbe sempre aumentato almeno del 30% rispetto a quello che si usa per le semine ex-novo.

Sottolineiamo infine di prestare particolare attenzione nello scegliere sementi con garanzia di alto tasso di germinazione e possibilmente sempre fresche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo