L’irrigazione del Prato durante la Semina

Valutazione: 5 - 4 recensioni

L’irrigazione del prato durante la semina segue delle leggi completamente diverse dall’irrigazione del prato adulto.

È oramai appurato che l’irrigazione normale di un prato maturo dovrebbe esser abbondante ed infrequente. In alter parole, quando il prato ha superato i primi 3 tagli, va bagnato facendo delle copiose irrigazioni seguite da importanti pause che vanno da 2 fino a 5 giorni.

Questo tipo di irrigazione ha lo scopo di fornire l’acqua necessaria alla vita della pianta e allo stesso tempo stimolare lo sviluppo radicale profondo. Facendo le pause, infine, si evita che la superficie del terreno rimanga umida per molto tempo causando problemi di malattie fungine.

Ma questo tipo di irrigazione non va assolutamente bene durante la semina del prato. In questa fase vanno distinti 2 momenti:

  • la germinazione
  • la prima crescita fino al taglio

IRRIGAZIONE DI GERMINAZIONE

Durante la germinazione va garantito che il terreno rimanga costantemente umido  ma senza eccessi d’acqua. In altre parole andremo a bagnare più volte al giorno con brevi irrigazioni. A seconda delle temperature dell’aria e della presenza o meno del sole, potrebbe essere necessario bagnare da 2 a 6 volte al giorno, evitando inutili eccessi o il formarsi di pozzanghere.

Quando si tratta di risemina, irrigare molto il prato è addirittura controproducente in quanto va a stimolare e velocizzare la crescita del prato esistente, che andrà a sua volta ad ostacolare quello nascente.

IRRIGAZIONE DI SVILLUPPO

Quando tutti i semi sono spuntati (generalmente dopo un periodo variabile da 7 a 15 giorni), l’erba inizia ad assorbire l’acqua per via radicale. Le giovani radici iniziano a svilupparsi e ad allungarsi. In questa fase l’irrigazione superficiale va modificata in una irrigazione che piano piano diventa più profonda.

Da questo momento in poi pertanto inizieremo a bagnare solo una o due volte al giorno, preferendo le irrigazioni mattutine. Man mano che il prato cresce, l’irrigazione diventerà meno frequente fino ad arrivare al primo taglio, dove inizieremo a fare le prime pause. Prima di un giorno e poi, piano piano, porteremo il prato all’irrigazione standard.

Anche in questo caso, quando si tratta di risemina, bisogna irrigare solo lo stretto necessario. Tutta l’acqua in più verrà assorbita dal prato esistente, che crescerà molto rapidamente andando ad ostacolare quello nascente.

IRRIGAZIONE DEL PRATO ADULTO

L’irrigazione del prato adulto è un’arte che pochi conoscono. Irrigare correttamente il prato, soprattutto in estate, è la strategia più potente in nostro possesso per allontanare le malattie fungine e far sviluppare le radici in profondità.

Se vuoi approfondire l’argomento ti consigliamo di dotarti di un pluviometro da pochi euro e di leggere quest’articolo.

Comments: 7

  1. Giuseppe 5 giugno 2019 at 17:59 Reply

    ciao Fabio,
    ho un prato di 200mq di Royal Blue (in Campania) e vorrei sapere quando posso ricominciare ad irrigare poichè non piove da 4 giorni e le temperature variano dai 16° (notte) ai 28° (giorno). N.B.: il terreno è prevalentemente SABBIOSO.
    Grazie in anticipo per la risposta.

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 6 giugno 2019 at 08:41 Reply

      Salve Giuseppe, guarda il prato ed osserva quando cambia di colore. A quel punto inizi le irrigazioni. Il primo segnale che manca è acqua è un leggero appassimento con il colore che diventa solo più spento. Secondo noi puoi aspettare ancora 3 o 4 giorno soprattutto se ha piovuto molto.

      • Giuseppe 6 giugno 2019 at 09:13 Reply

        grazie, come al solito siete sempre precisi nelle risposte. Inizierò ad irrigare domenica o lunedì.

        Valutazione: 5
  2. Doriana Grandi 17 aprile 2019 at 17:04 Reply

    Articolo interessante e dettagliato per persone inesperta come me è molto utile
    Ringrazio saluto Doriana

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 18 aprile 2019 at 16:52 Reply

      Grazie Doriana.

  3. Giuseppe 16 aprile 2019 at 20:06 Reply

    ciao Fabio,
    due giorni fa ha ho effettuato la risemina (royal blue plus) di alcune parti del prato che si erano diradate. Ho forti dubbi riguardo l’irrigazione, perchè per la risemina dovrei bagnare più volte al giorno ma per il restante prato dovrei seguire l’irrigazione del prato adulto. Cosa devo fare per non danneggiare l’uno o l’altro? Ho un impianto di irrigazione unico e quindi non saprei proprio come comportarmi.

    Valutazione: 5
    • Staff Bestprato 18 aprile 2019 at 16:50 Reply

      Per due settimane fai soffrire il prato esistente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo