Realizzare un impianto di irrigazione a goccia

Valutazione: 5 - 2 recensioni

Somministrare la giusta quantità d’acqua a ogni singola pianta, solo quando e dove serve: questo è il concetto fondamentale dell’irrigazione a goccia. Un’irrigazione frequente, con una quantità d’acqua perfettamente calibrata e senza sprechi, mantiene infatti il terreno ben ossigenato e favorisce lo sviluppo ottimale delle piante.

È semplicissimo realizzare un impianto su misura, piccolo o grande, per ogni diversa necessità. Il “punto di partenza” del sistema è la centralina per l’irrigazione programmata. Essa consente di stabilire automaticamente e in maniera personalizzata la quantità e la frequenza delle irrigazioni giornaliere. Dalla centralina, l’acqua viene diffusa ai gocciolatori ed ai microirrigatori, che garantiscono un flusso continuo e preciso. I gocciolatori sono inoltre regolabili, per dosare la giusta quantità d’acqua in funzione delle diverse necessità delle piante e della natura del terreno.

QUANTO IRRIGARE?

Irrigare troppo o troppo poco può provocare gravi danni alle nostre piante. La versatilità dell’irrigazione a goccia risolve al meglio anche questo problema: è sufficiente rispettare le giuste modalità di irrigazione, a seconda del tipo di terreno, di pianta e di clima, come indicato orientativamente in questa tabella:

frequenze-irrigazione

 

IRRIGARE LE PIANTE IN VASO

In casa, in terrazzo o sul patio, il vaso è uno degli “habitat” più frequenti per un vastissimo numero di piante domestiche. L’irrigazione a goccia rappresenta una soluzione unica per esigenze anche molto diverse, a seconda del tipo di pianta, risolvendo inoltre i problemi causati da eventuali spostamenti e risistemazioni dei vasi nell’ambiente. Si possono infatti creare una o più linee di irrigazione, diversificandone i tempi e l’intensità della somministrazione d’acqua, dotandole di gocciolatori con caratteristiche “mirate” e modificandone facilmente la disposizione nel tempo e nello spazio.

IRRIGARE A GOCCIA L’ORTO E LA SERRA

Anche nell’orto, coltivazioni diverse necessitano di un’irrigazione diversificata. Le piante che hanno un rapporto particolarmente “delicato” con l’acqua, come ad esempio i pomodori, possono essere irrigate con i gocciolatori, allontanando il rischio di ristagni che possono causare funghi. L’insalata e i terreni appena seminati, invece, vengono innaffiati dall’alto con micronebulizzatori montati su astine tenute da appositi picchetti: si produrrà così una pioggia sottile, del tutto simile a quella naturale.

IRRIGARE LE AIUOLE E IL PRATO

Il sistema goccia a goccia e la microirrigazione offrono un’estrema varietà di soluzioni specifiche per ogni singola pianta e area da bagnare. Per fiori, piante e arbusti vanno bene i microirrigatori a 90, 180 e 360 gradi, così come i gocciolatori a portata variabile o autocompensanti, tutti contraddistinti dalla fondamentale caratteristica di non sprecare l’acqua perché la dirigono verso l’apparato radicale della pianta. Per superfici strette e lunghe, come le bordure, usate i microirrigatori a striscia. Superfici piccole o piante con fiori delicati? Vi consigliamo i micronebulizzatori con la loro pioggia finissima e delicata. Superfici importanti come grandi aiuole o porzioni di prato? Utilissimi in questo caso i microirrigatori rotanti a 360 gradi. Tutti i microirrigatori possono essere installati su astine montate su robusti picchetti: l’altezza del getto può così essere regolata a piacere in base all’altezza delle piante. Anche la gittata dei microirrigatori può venire modificata con l’apposito rubinetto di regolazione.

6 FASI PER COSTRUIRE UN IMPIANTO DI IRRIGAZIONE A GOCCIA DA SOLI

L’installazione di un impianto irrigazione goccia a goccia è semplice, per ottenere un ottimo risultato fai da te basterà seguire le 6 fasi descritte in questa guida.

1) Programmatore a batteria

Il programmatore elettronico con installato il riduttore di pressione (es: Claber 91040), va applicato al rubinetto; l’acqua verrà convogliata da un tubo da 1/2″ o alternativamente direttamente da un tubo capillare da 1/6″. Collega il tubo al programmatore tramite il raccordo automatico filettato (es: Claber 91494) e l’apposito raccordo (es: Claber 91345).

programmatore

2) Tubo collettore

Con il tubo collettore da 1/2″ è possibile creare un vero e proprio circuito di irrigazione per i balconi più grandi. In questo caso, il tubo capillare da 1/4″ viene utilizzato per il collegamento di ogni singolo gocciolatore

terrazzo

3) Fustella foratubo

La fustella foratubo (es: Claber 91185) permette di effettuare dei fori del diametro esatto, per un collegamento a perfetta tenuta d’acqua fra il tubo collettore e i tubi capillari. Inoltre avvita e regola i microirrigatori.

foratubo

4) Tubi capillari

Taglia a misura alcuni pezzi di tubo da 1/4″. Dopo aver forato il tubo da 1/2″, in corrispondenza delle derivazioni che prevedete di utilizzare, collega ciascuno spezzone al tubo da 1/2″ tramite il raccordo a 2 vie (es: Claber 91155). E’ possibile anche utilizzare un rubinetto per tubo capillare (es: Claber 91270), in questo modo avrai una maggiore flessibilità e controllo sulla portata d’acqua delle singole derivazioni.

tubazioni

5) Gocciolatori

Collega i gocciolatori al tubo da 1/4″ disponendoli in corrispondenza delle piante da irrigare guidando il percorso del tubo tramite gli appositi picchetti.

gocciolatori

6) Microirrigatori

I microirrigatori si posizionano su picchetti con astine regolabili in altezza e si collegano al tubo collettore da 1/2″, utilizzando il tubo capillare da 1/3″, sempre con l’apposita fustella foratubo. Disponibili in vari modelli per ogni esigenza, distribuiscono la giusta quantità d’acqua sull’area desiderata, annaffiando con una pioggia delicata e uniforme, simile a quella naturale.

aste

Ed infine un “nota bene per l’inverno”:  prima dell’arrivo delle gelate invernali, scollega il programmatore dal rubinetto e riponilo all’interno dell’abitazione, ad esempio in cantina o in garage, avendo cura di togliere la batteria e di gettarla negli appositi contenitori per la raccolta differenziata. Ad inizio stagione inserisci nel programmatore una nuova batteria alcalina.

 

Comments: 2

  1. ORTOLANI 1 luglio 2017 at 14:48 Reply

    GRAZIE L’ARTICOLO E’ STATO UTILISSIMO COMPLIMENTI Ortolani

    Valutazione: 5
  2. umberto 27 aprile 2017 at 14:06 Reply

    Ottimo ed esaustivo articolo. Ho trovato tutte le informazioni che mi servivano per fare la mia irrigazione a goccia.

    Valutazione: 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo