Come Curare le Rose Mangiate dai Bruchi

Quando una pianta di rose viene attaccata dalle larve degli argidi, le foglie vengono completamente divorate nel giro di pochissimo tempo.

Le larve degli argidi ,che assomigliano a dei piccoli bruchi, si muovono in gruppo e sono talmente voraci che sono in grado di distruggere tutte le foglie di un ramo in meno di una giornata.

GLI ADULTI

Gli adulti sono simili ad una vespa di media dimensione, hanno le ali di colore nero e l’addome arancione. In primavera gli adulti depongono le uova all’interno di incisioni sui rami verdi o semilegnosi e durante l’estate le uova si schiudono e le larve iniziano i loro danni.

LE LARVE

Le larve sono munite di molte zampette che le rendono simili ai bruchi dei lepidotteri. Il loro colore è verde o verde giallo e su tutto il corpo sono presenti dei puntini neri.

Le foglie iniziano ad essere divorate in modo ordinato, solitamente iniziando da quelle vicine ai boccioli e procedendo a ritroso verso la parte legnosa della pianta.

Il loro lavoro è facilmente riconoscibile in quanto mangiano solo la parte tenera della foglia lasciando intatte le nervature.

PREVENZIONE

Essendo un parassita in grado di distruggere la pianta è opportuno lavorare di prevenzione eseguendo periodicamente dei trattamenti naturali con estratto di ortica e olio di neem.

CURA

Quando una pianta è stata attaccata bisogna intervenire prontamente utilizzando dei prodotti a base di piretro, un insetticida naturale estratta dalle piante, capace di eliminare tutte le larve.

È consigliato utilizzare il prodotto direttamente nelle foglie cercando di evitare l’irrogazione sui fiori se questi sono ancora belli in quanto il piretro dà fastidio alle api.

Una pianta che è stata attaccata da queste larve solitamente perde una parte delle proprie foglie ed è quindi importante intervenire con delle stimolazioni e nutrizioni mirate a sostenere le attività vegetative e a stimolare l’emissione di nuove foglie.

ESEMPI DI TRATTAMENTI

Prevenzione

  • Diluire 200 ml di estratto di ortica concentrato (qui un esempio) in 1 litro d’acqua e spruzzare la soluzione così ottenuta direttamente su entrambi i lati della foglia
  • Diluire 10 ml di olio di neem (qui un esempio) in 2 litri di acqua e spruzzare abbondantemente in entrambi i lati della foglia. Per solubilizzare l’olio aggiungere 3 ml di polisorbato 80 (tipo questo)

Cura

  • Diluire 30 ml di piretro concentrato (qui un esempio) in 1 litro di acqua e spruzzare la soluzione così ottenuta direttamente sulle foglie colpite dalle larve procedendo dalla sommità fino alla base.

Stimolazione

  • Diluire 20 ml di un stimolante radicale a base di proteine (tipo questo) in 3 litri di acqua, aggiungere 6 grammi di concime 20-20-20 in polvere solubile (qui un esempio) e distribuire nel terreno

 

1 comment

  1. fabio 30 marzo 2022 at 19:12 Reply

    Grazie dei suggerimento, ogni hanno questi piccoli bastardi mi distruggono le rose…

    Valutazione: 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo