La Manutenzione degli Attrezzi da Potatura

Con gennaio inizia la stagione delle prime potature. Alcune piante come il glicine o il gelso, vanno potate entro il primo mese dell’anno, poi a febbraio seguiranno tutte le altre: rose, arbusti, piante da fiori e alberi.

Bisogna sempre tenere a mente che la potatura è di fatto una ferita e come tale va eseguita facendo in modo che si rimargini prima possibile, al sicuro da potenziali infezioni.

Da questo punto di vista, la cura e preparazione degli attrezzi da potatura è basilare. In particolare sono fondamentali 3 operazioni:

  • rimozione degli ossidi e dello sporco
  • affilatura
  • disinfezione e protezione delle lame

GLI ATTREZZI BASE

Prima di entrare nel dettaglio di ogni singola operazione, vediamo rapidamente i 4 attrezzi fondamentali per affrontare tutte le potature:

FORBICI. Sono lo strumento base e bisognerebbe sempre esserne dotati di una coppia: una forbice a lama battente per i tagli di legni duri (qui un esempio), ed una a lama passante o doppia lama da usare nei rami più giovani e teneri (qui un altro esempio).

TRONCARAMI. Se si devono affrontare rami superiori ai 20 mm di diametro è necessario usare un troncarami. Per un uso versatile, il consiglio è orientarsi su un attrezzo a lama battente con manici di lunghezza di almeno 70 o 80 cm (qui e qui due esempi).

SEGHETTO. Si tratta di un attrezzo che può essere usato sia in alternativa al troncarami che per il taglio di rami grossi che superano i 5 cm di diametro. Fanno parte del corredo base sia un seghetto a serra manico (tipo questo) che un attrezzo a lama fissa (qui un esempio).

SVETTATOIO. Se i rami da potare sono in zone alte e difficilmente raggiungibili, al posto di usare una scala esponendosi al pericolo di farsi male, è possibile usare lo svettatoio, capace di raggiungere altezze anche di 6 metri standosene comodamente coi piedi a terra (qui un esempio).

LA MANUTENZIONE DEGLI ATTREZZI DA POTATURA

E veniamo alla cura e preparazione degli attrezzi, una fase molto importante soprattutto se usati la stagione precedente. Sono 3 le operazioni principali da eseguire:

RIMOZIONE OSSIDI E INCROSTAZIONI

È molto importante eliminare la sporcizia incrostata e soprattutto gli ossidi e le ruggini. Per rimuovere le incrostazioni di terra si usa una spazzola di plastica o di ottone. Per eliminare l’ossido e la ruggine si usa una carta vetrata a grana fine, da 500 in su.

AFFILATURA

L’affilatura è probabilmente l’operazione più importante, in quanto il taglio dei rami deve sempre essere il più netto possibile e senza sfibramenti o schiacciature. Per affilare le lame si usano le pietre corindone (qui un esempio) o un pratico acciaino tipo questo. Questi affilatoi vanno usati con movimenti regolari e continui dall’interno verso l’esterno di ciascun lato vivo della lama, facendo attenzione a rispettare l’angolo esistente.

PROTEZIONE E LUBRIFICAZIONE

Una volta terminate le operazioni di pulizia e affilatura è il momento di procedere alla disinfezione, usando del normalissimo alcool etilico, seguita dalla lubrificazione delle parti in movimento e dalla protezione della lama da possibili ossidazioni.

Per la lubrificazione è possibile usare spray al silicone ma il nostro consiglio è quello di impiegare prodotti naturali, come ad esempio l’olio di lino (qui un esempio) che, oltre lubrificare bene, è ottimo anche per proteggere la lama dalle ossidazioni. Va spennellato nella parti in movimento, e passato con uno straccetto in tutte le parti della lama.

L’olio di lino è un insetticida naturale con anche una blanda azione fungicida, quindi è un prodotto che potremmo anche poi usare nelle piante per i trattamenti di prevenzione dagli insetti dannosi.

CONCLUSIONI E APPROFONDIMENTI POTATURA

Là potatura delle piante è il modo che ogni bravo giardiniere usa per aumentare la bellezza del giardino, promuovere la produzione di fiori e frutti e dare forma alle piante. Gli strumenti da lavoro, assieme alla conoscenza delle regole di potatura, sono uno degli elementi base del successo finale.

Se desideri approfondire le tecniche di potatura ti consigliamo questi approfondimenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo