Le Regole per Seminare Bene a Primavera Avanzata

La semina o la risemina di un prato è possibile senza problemi anche a fine aprile o a maggio. Dovremmo solo porre la massima attenzione a minimizzare tutti gli elementi che rendono difficili le semine tardive.

Il principale problema delle semine e delle risemine di fine aprile / maggio è rappresentato dalle infestanti che stanno entrando nel periodo di massimo sviluppo. Dobbiamo agire in tutte le direzioni per rendere rapida la germinazione e. veloce la crescita. Ecco i suggerimenti del Metodo Bestprato:

FALSA SEMINA

In caso di semina di un prato nuovo, è importantissimo fare sempre un diserbo molto profondo, ripetendo almeno due volte la tecnica chiamata della falsa semina. Attraverso questa tecnica ci libereremo delle erbacce per diverso tempo. Se non conosci la tecnica, l’abbiamo spiegata in dettaglio qui.

TERRICCIO

La germinazione e la ì crescita del prato possono essere resi più rapidi utilizzando un buon terriccio da prato (qui un esempio), meglio se ecologico, cioè privo di torba e sabbie vergini. Oltre a favorire le prima fasi di sviluppo del prato, il terriccio svolge un’azione simile alla pacciamatura, ritardando lo sviluppo di alcune infestanti ancora presenti nel sottosuolo.

CONCIMAZIONE

Non bisogna mai dimenticare di distribuire un buon concime starter contenente un adeguato livello di fosforo. Il fosforo esalta lo sviluppo radicale che accelererà la crescita anche delle foglie. Nella scelta del concime bisogna privilegiare la presenza di azoto a lenta cessione (qui un esempio)

MALATTIE

Con l’arrivo del caldo si entra nel periodo di maggior rischio di sviluppo delle malattie fungine. Un prato giovane è più debole e quindi va reso più forte. Suggeriamo di:

  • usare sementi endofizzate e conciate con batteri PGPR (quiqui e qui alcuni esempi)
  • distribuire micorrize e trichoderma assieme al terriccio (qui e qui due esempi)

IRRIGAZIONE

Il terreno va mantenuto costantemente umido fino alla totale germinazione (da 7 a 15 giorni), poi l’irrigazione deve essere più abbondante e meno frequente. Significa che durante la seconda o terza settimana si irrigherà una volta al giorno e solo alla mattina.

Appena il prato ha raggiunto la sua altezza adulta, e dopo che abbiamo fatto il primo taglio, l’irrigazione dovrà iniziare ad avere pause da 1 a 3 giorni. Questo serve ad evitare il ristagno di umidità che porterebbe pericoli di malattie (qui spieghiamo bene come irrigare un prato adulto).

TAGLIO

Il taglio rappresenta un segnale che diamo al prato di crescere, di emettere nuove foglie, di accestirsi e di irrobustirti. Se vogliamo rendere più rapida la crescita e l’irrobustimento la regola è fare tagli più frequenti possibile, evitando di tagliare sotto i 5 o 6 cm di altezza. In altre parole devi tagliare poco ma spesso per almeno 1 mese.

LE GIUSTE SEMENTI

Molto spesso le semine di metà o fine primavera falliscono solo perché si sbagliano sementi o si usano sementi poco fresche. Se hai bisogno di aiuto sulla scelta delle giuste sementi, qui trovi il nostro servizio di consulenza gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Biostimolare il prato in estate - Il Potassio: un antistress estivo - Concimare il prato ad Aprile - Combattere infestanti in modo naturale - Programma di Concimazione Annuale del Prato - Seminare il prato a primavera - Come rigenerare il prato a primavera - La concimazione in primavera - La risemina del prato - Il primo taglio stagionale - La rigenerazione del prato - Combattere il muschio - La lotta al feltro - La neve ed il tappeto erboso. - Quale concime invernale per il Prato? - Concimare il prato a Settembre - Come seminare il prato a Settembre - Quanto e quando irrigare un prato - Concime liquido per prato: i biostimolanti - Realizzare un impianto di irrigazione a goccia - Impianto irrigazione giardino - Malattie del prato: Rhizoctonia - La concimazione a Maggio - I benefici del mulching - I danni del freddo